Una serata mondiale per inaugurare al meglio il 2020 delle Due Torri di Stezzano, centro commerciale che proprio quest’anno festeggerà dieci anni dalla sua inaugurazione.

Come ospiti straordinari di sabato 11 gennaio c’erano Roberto Garcìa, che i più conosceranno per la sua interpretazione di Oslo nella serie spagnola “La Casa di Carta” e Annita Yes, la dj di musica urbana numero uno in Europa, nonché dj ufficiale della Nazionale di Calcio Spagnola e del Real Madrid nelle partite di Champions League.

due hanno fatto tappa alle Due Torri (la prima in un centro commerciale) nell’ambito di un tour mondiale che li vedrà portare uno spettacolo in cui al meet and greet della star della serie apprezzata in tutto il mondo si unirà un Dj set della celebre Dj.

Un evento di assoluto livello, che non può che lasciare soddisfatto il direttore del centro commerciale Roberto Speri: «È un evento di portata mondiale molto importante per noi e per il territorio. Da sempre ci teniamo che le Due Torri rappresentino un’opportunità per tutta la zona, e questo evento è un esempio del valore aggiunto che il nostro progetto può apportare al territorio».

L’evento è iniziato nel segno della musica di Annita Yes, figlia della scuola Inted di Madrid, uno dei più importanti centri di studio di musica elettronica in Europa, e si è formata, oltre che nella sua città di origine, anche a New York, dove si è definitivamente avvicinata all’urban music, di cui ora è una delle rappresentanti più autorevoli. L’evento è stato organizzato in collaborazione con I-MusicaLab: alle 19 è iniziato il dj set di Annita Yes, e dopo circa mezz’ora, sulle note di Bella Ciao, standard della colonna sonora della serie, ha fatto il suo ingresso Garcìa, che ha salutato i fan e scattato con loro diverse fotografie.

Leggi anche:  Campo da calcio di Capriate, ora manca solo l'omologazione

Roberto Garcìa ne La Casa di Carta interpreta Oslo, uno dei membri della squadra reclutata dal Professore per portare a termine la rapina del secolo alla Fabrica Nacional de Moneda Y Timbre di Madrid, tra i personaggi più silenziosi, ma più carismatici, dell’intera serie.

 

I.P.