Il Vava77 come Micheal Jackson inaugura il 2019 con una fantastica rivisitazione bergamasca di una delle canzoni più conosciute e cantate al mondo: “We are the world”. E non lo fa da solo: con lui tanti nomi conosciuti che hanno dato vita a un vero e proprio spettacolo.

We are the world parla bergamasco

Correva l’anno 1985 e Michael Jackson in collaborazione con Lionel Richie e grazie alla produzione di Quincy Jones, incideva insieme a 45 celebrità della musica (USA for Africa) l’intramontabile We are the world che riuscì a raccogliere oltre 100 milioni di dollari devoluti poi alle popolazioni dell’Etiopia.

Oggi, per salutare il 2019, il Vava77 (con tanto di look in pieno stile Jacko), celebre per le sue parodie in dialetto, ha superato se stesso. Insieme a tanti artisti nostrani e nomi conosciuti tra cui Luciano Ravasio, Il Bepi, Andy Brevi, Ricky Anelli, Omar Fantini, Oney Tapia e Roby Facchinetti, ha dato vita alla rivisitazione intitolata “Che mal de có”.

La canzone è stata registrata lo scorso 17 dicembre al Teatro Modernissimo di Nembro con la regia di Daniele Vavassori (Vava77, appunto, autore anche del testo in bergmasco), Antonio Iorio e Laura Ranica. Esecuzione musicale affidata alla band composta da Diego Arrigoni, Daniel Ghilardi, Alberto Sonzogni e Robi Zonca e coro de Gli Harmonici (diretti da Fabio Alberti). Registrato e mixato da Daniele Vavassori, Dario Ravelli, Francesco James Dini con il supporto tecnico di FcWebStore, Spiweb.

Ecco il video della canzone pubblicato su Facebook e YouTube

Che mal de có (TESTO)

A ‘m gh’ia 15 àgn, ma t’i vedìet a passà fò
Coi piö gràncc che in mà i gh’ia zamò l’Golf
A nn’è mia de bàle, a l’è sèmper stàcia issé,
i bèle tùse i va mia n’giro a pé

I pàssa i àgn e pòta a m’sè amò ché
Làssa sta’, però ‘m ga èt amò bé
A i è mia cambiàde, i có i è semper chèi
L’è töt ól rèst che l’salta vià a tochèi

Leggi anche:  Nonni, genitori e bimbi della Materna Prandi occupano il Municipio FOTO e VIDEO

Che mal de có i mèse fighe, i càta fò ü rangotàm cói sólcc e i finte amìse
A i è pròpe löse
Dé e nòcc denàcc a’ spècc
Piötòst te l’ mànget fò sö Ebay che fàghel vèt

Desmèt ignorànt, che se l’era mia per mé
Co’ la mà te fàet amò innàcc e ‘ndré
Che bràa la sciùra, l’è pròpe öna de cör
Ma adóma a ardàga a l’ta sa svöda ‘l cönt

I è n’giro amò, i è piö issé fighe, i grégna mai i ga ü bastù n’del cül, i è ‘mpó stantìde
A’ mé te l’garantése, i va ‘nsèma ai papagài
Piötòst a l’ mànge fò sö Ebay che fàghel vèt

Al salta sö ü mé amìs e l’dìss: “dai mé ga l’dó”
M’è ‘ndaga n’vèrs col Porsche, se no i te spüda adòss

Dom, dom, dom va a comprà i ögiài
Che almeno issé ta pö vardà ól müs
Sóta ü chilo de tröch

I è fò de có i mèse fighe, i tira n’sèma ön càsso töt ól dé, po’ i ga i pretése
Passì fò terése, cressìde a pà e salàm
Piötòst a l’ mànge fò sö Ebay che daga a trà

Che mal de có i mèse fighe, i càta fò ü rangotàm cói sólcc e i finte amìse
A i è pròpe löse, dé e nòcc denàcc a’ spècc
Piötòst a l’ mànge fò sö Ebay che fàghel vèt

Öh, la miseria!!!

Che mal de có i mèse fighe i càta fò ól rangotàm cói sólcc e i finte amìse
Passì fò terése, cressìde a pà e salàm
Piötòst a l’ mànge fò sö Ebay che daga a trà

I è fò de có i mèse fighe, i tira n’sèma ön càsso töt ól dé, po’ i ga i pretése
A i è pròpe löse
Dé e nòcc denàcc a’ spècc
Piötòst a l’ mànge fò sö Ebay che fàghel vèt

TORNA ALLA HOME