Legambiente studia il ricorso al Tar contro l’autorizzazione per l’insediamento di un impianto per il biometano a Masate.

Legambiente studia il ricorso

Non è ancora stata detta l’ultima parola sull’impianto per la produzione di biometano proposto da Energa sul territorio di Masate. Dopo l’ok arrivato in sede di conferenza dei servizi pronunciato da Città metropolitana, infatti, Legambiente e i comitati contrari all’insediamento, si incontreranno con i legali nella serata di venerdì 6 settembre 2019 per verificare la possibilità di presentare ricorso al Tar.  “Analizzeremo la questione con il nostro avvocato – ha spiegato il referente di Legambiente Martesana Giuseppe Moretti – Auspichiamo che i Comuni che si sono espressi contro l’installazione dell’impianto appoggino l’eventuale ricorso”.

Avanza l’iter per un altro impianto

La questione “biogas” a Masate non riguarda solo l’impianto proposto da Energa Masate. La prossima settimana, giovedì 12 settembre 2019,  infatti, è stata convocata una conferenza di servizio per trattare la questione di un secondo impianto per la produzione di biogas che dovrebbe sorgere sul territorio di Masate, quello proposto da Bio Energy.

Leggi anche:  Emergenza climatica il Comune di Masate si mobilita

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE