Nuovi casi di legionella e West Nile. Una donna di 92 anni colpita dalla legionella è morta all’ospedale Niguarda. A comunicare il decesso è stato l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera: sono tre i casi di legionella verificatisi a Milano. Il Comune di Robecco sul Naviglio ha invece ricevuto segnalazione da parte di ATS Milano Città Metropolitana della positività al West Nile Virus (Febbre del Nilo) di un proprio cittadino.

LEGGI ANCHE: 

Legionella, altri tre casi e un morto a Milano

West Nile a Robecco: anziano ricoverato per la febbre del Nilo

Ancora legionella e West Nile

“I pazienti del Niguarda – ha spiegato Gallera – sono residenti a Milano pertanto questi casi di legionella fanno parte, in attesa dei risultati delle indagini epidemiologiche del numero dei casi che normalmente si verificano in Ats”.

Così l’assessore, che frena gli allarmismi rispetto alla situazione di straordinaria epidemia verificatasi a Brescia e prima a Bresso.

ECCO IL COLPEVOLE DEL CONTAGIO A BRESCIA: LA MAPPA DEL TRIANGOLO DELLA LEGIONELLA

Leggi anche:  Logistica in arrivo a Melzo con il decreto... Genova

Il virus non è contagioso

Ricordiamo che il West Nile non è trasmissibile da uomo a uomo in nessun caso; i serbatoi del virus sono gli uccelli selvatici e le zanzare, le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione all’uomo.

E’ una persona anziana attualmente ricoverata all’ospedale di Magenta l’ultima contagiata dal virus. Nelle ultime settimane sono stati registrati casi a VittuoneLegnanoInveruno Vanzaghello. In quest’ultimo paese, la persona colpita è deceduta.