Bimbi, nonni e genitori della Materna Prandi in Municipio a Cambiago. Hanno chiesto e ottenuto di parlare col sindaco e con l’assessore all’Istruzione per la data del trasloco a Gessate non ancora definita.

Bimbi, genitori e nonni della Materna Prandi in Municipio

Dopo aver tenuto a casa per una settimana i propri figli, prendendo ferie, mandandoli dai nonni in Puglia, pagando le baby sitter, rischiando anche di perdere il posto di lavoro e al tempo stesso non avere avuto ancora informazioni certe sul trasloco dalla scuola dell’infanzia Prandi, chiusa precauzionalmente per capire la natura e la potenziale pericolosità dei cattivi odori che si sentono nelle sue aule hanno detto basta. Questa mattina, venerdì 6 dicembre 2019, una trentina, fra genitori, nonni e bimbi si sono recati in Municipio per manifestare il proprio dissenso e incontrare il sindaco Laura Tresoldi e l’assessore all’Istruzione Lorena Colombo.

La protesta prima del colloquio

Dopo aver riunito il gruppo i genitori hanno scritto su un lenzuolo con una bomboletta spray di colore nero una scritta eloquente: “Volevamo solo essere ascoltati. Vergona!”. L’hanno appesa col nastro adesivo di fianco all’ingresso del Municipio e poi sono saliti tutti al primo piano per parlare col primo cittadino Laura Tresoldi. Il colloquio, si è svolto in una sala Giunta gremita, dove i bimbi si sono seduti sulle sedie utilizzate dagli assessori a fare i disegni, mentre i genitori, guidati da Elisabetta De Ambrosi, mamma e referente del Gruppo genitori Cambiago avanti tutta hanno manifestato il proprio dissenso per la situazione e in particolare per la scarsa comunicazione a livello istituzionale.

Leggi anche:  Merce scaduta tra gli scaffali, nuovo blitz dei vigili al supermercato

La polemica

“Avete sottovalutato un problema che noi lamentavamo fin dall’apertura della scuola dopo la riqualificazione avvenuta nell’estate del 2017 – hanno ribadito al sindaco – Ma ora la questione a più impellente è legata al fatto che non sappiamo ancora quando i nostri figli potranno essere trasferiti nelle aule messe a disposizione da Gessate”. Dal canto suo Tresoldi ha spiegato che il via libera al trasferimento di una parte degli alunni nella scuola dell’infanzia e dell’altra nella primaria di Gessate è stata comunicata solo ieri, giovedì 5 dicembre 2019. “Purtroppo ancora non sappiamo da Ats (l’ex Asl) se i bimbi possono mangiare durante la mensa in classe”, ha ammesso il sindaco.

Ma la situazione è ancora in divenire e potrebbero esserci ulteriori aggiornamenti in giornata.

 

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.