Inaugurato giovedì 21 ottobre all’interno dell’Off Campus del Politecnico il primo Touch Point di Milano 2035.

Milano 2035, una rete per trasformare la città

Un luogo per promuovere la cultura dell’abitare collettivo, che aiuta i giovani a trovare una casa e a diventare cittadini attivi per trasformare la propria città. Questo il cuore del progetto Milano 2035 promosso dal bando Welfare di Comunità di Fondazione Cariplo per il diritto degli under 35 a una casa economicamente accessibile. Milano 2035 si attuerà grazie a una rete di touch point, di cui il primo è quello inaugurato giovedì, in cui i giovani potranno chiedere aiuto nella ricerca di una casa e intanto partecipare alla costruzione di reti di solidarietà nelle periferie.

Il touch point

Il touch point del quartiere di San Siro sarà aperto tutti i lunedì dalle 14.30 alle 17.30 da La Cordata all’interno dell’Off Campus, iniziativa promossa da Polisocial per rafforzare la presenza del Politecnico a Milano e promuovere l’idea di un’università attenta alle sfide sociali e vicina ai territori e alle comunità. Il prossimo obbiettivo infatti sarà l’apertura di altri due touch point, uno al Mercato Comunale di viale Monza e un secondo nel territorio del Gallaratese. Il prossimo ad aprire presto sarà presso il CoFò di Cinisello Balsamo, e l’intenzione  è di crearne ulteriori itineranti.

All’interno di queste strutture, oltre a cercar casa ragazzi e ragazze potranno venire in contatto con altri giovani coi quali costruire nuove relazioni e comunità.

Casa e rete sociale

Ma, concretamente, cosa prevede  Milano 2035? Il progetto mette a disposizione degli under 35 soluzioni abitative a prezzi calmierati (una manna visti i prezzi del mercato immobiliare milanese), proponendo ai giovani occasioni ed attività di volontariato in ottica di partecipazione attiva alla vita cittadina, grazie alla collaborazione con il Ciessevi di Milano e Pagine Giovani a Cinisello Balsamo.

Leggi anche:  Superenalotto, Martesana ancora fortunata

Mille posti

Milano 2035 inizia il proprio lavoro con l’inserimento di 600 ragazzi in alloggi nei quartieri popolari del capoluogo lombardo e 355 posti letto nelle strutture messe a disposizione dal progetto “Prendi in casa”. “Dar = Casa” offre posti  all’interno dell’housing sociale Foyer Cenni dove i giovani sono alla ricerca di un’esperienza coinvolgente di formazione e coabitazione, ma anche alloggi solidali dove gli ospiti si rendono disponibili a collaborare in attività di vicinato solidale. La Cordata mette a disposizione i pensionati studenteschi, residenze collettive e alloggi in condivisione. Infine Genera Onlus apre le porte di Grace, Borgo Sostenibile, il nuovo quartiere di Social Housing completamente pedonale con aree verdi e servizi; qui all’offerta abitativa a prezzi contenuti si affianca la valorizzazione della dimensione sociale e degli stili di vita sostenibili e attenti all’ambiente. E intanto il Comune di Milano ha già messo a disposizione altri 16 monolocali a Quarto Oggiaro, in un edificio di recente costruzione e tra pochi mesi saranno pronti ad essere affittati a canone calmierato.

Cerco Alloggio

milano 2035 CeloCelo

Per essere aggiornati sull’offerta abitativa di Milano 2035, in continua crescita, c’è la piattaforma Cerco Alloggio, un portale dove si incontrano i proprietari delle case e gli studenti e giovani fuori sede. Oltre a Cerco Alloggio, CeloCelo è un’altra piattaforma che metterà in contatto i giovani del progetto Milano 2035 con chi vuole donare beni e accessori per le case: sarà possibile offrire un bene o, per i ragazzi, richiederne uno.