Parco Cologno Sud, il referente provinciale di Fratelli d’Italia del dipartimento Famiglia e genitorialità della provincia Monza e Brianza Antonio Saggese chiede la tolleranza zero nei confronti dei vandali.

Parco Cologno Sud colpito dai vandali

Tolleranza zero nei confronti di chi depaupera il bene comune. A chiederla è Antonio Saggese, all’indomani degli atti vandalici che hanno visto preso di mira il Parco Olof Palme nella notte di San Silvestro. Atti che hanno anche portato sul piede di guerra i residenti della zona pronti a una raccolta firme. Intervenendo sulla vicenda Saggese ha sottolineato come il territorio di Città metropolitana sia già al di sotto delle medie nazionali e regionali per la densità di verde. “Con una densità pari a 0,6  mq di verde ogni 100 mq di superficie urbanizzata, la Città Metropolitana,  territorio di Cologno Monzese incluso, si pone al di sotto sia del dato della Lombardia, pari a 2,9mq, che a quello nazionale  di 1,9mq – ha osservato Saggese –  Il verde insieme alle sue opere sono quindi una risorsa a maggior ragione da tutelare per  salvaguardare l’intero paesaggio. Non possiamo più permettere che in realtà metropolitane come Cologno Monzese, si assista periodicamente ad atti che deturpano il territorio e sterilizzano l’efficacia della spesa pubblica. Duole vedere immondizia ed escrementi abbandonati sul verde dove giocano i bambini e rilevare la distruzione dei tavoli da pic nic utilizzati dagli anziani per giocare a carte o per tenersi compagnia. Sono opere costate a tutti i colognesi e pertanto sono le famiglie i veri protagonisti del ns territorio. Le autorità hanno il dovere di attuare piani di presidio atti ad ostacolare comportamenti maleducati, atti vandalici se non addirittura criminali. Dove regna l’ordine e la pulizia è risaputo che si allontana il degrado e si stimola l’intera comunità al rispetto della cosa pubblica”. Saggese punta molto sull’impiego delle telercamere installate nel parco. “L’auspicio è che le riprese realizzate siano utilizzate per avviare interventi a tolleranza zero anche di natura risarcitoria che possano evitare ora e in futuro  comportamenti analoghi da chi ritiene che i nostri parchi siano a uso e consumo personale”, ha concluso.

Leggi anche:  "Basta rifiuti in strada, tanto vi becchiamo"

 

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE