Partirà lunedì 8 aprile il nuovo servizio di navette per collegare il Ponte di Paderno alle stazioni di Paderno e Calusco d’Adda,vista la recente riapertura al transito ciclopedonale.Il servizio sarà attivo tutti i giorni dalle 5 alle 23; nelle fasce orarie “di punta” della mattina, del primo pomeriggio – in concomitanza con il rientro degli studenti dalle scuole – e della sera le navette partiranno ogni 15 minuti; nelle fasce orarie “di morbida” la partenza sarà ogni 30 minuti.  Le corse non effettueranno fermate intermedie; gli orari potranno subire variazioni in relazione alle condizioni del traffico stradale.

Ponte di Paderno: da lunedì attive le navette ponte-stazioni

Il servizio ha l’obiettivo  di garantire il collegamento tra i due scali ferroviari e le due estremità del ponte per i cittadini che hanno possibilità di percorrerlo a piedi, e dovrà assicurare le corrispondenze con le corse ferroviarie in arrivo e in partenza dalle stazioni di Paderno e Calusco. I bus attivi da lunedì compiranno un tragitto diretto tra il viadotto e gli scali ferroviari dei due paesi, in attesa della conclusione dell’iter procedurale che coinvolge le Agenzie del Tpl relativo all’attivazione dei bus circolari richiesti dai sindaci.

Meno disagi per i pendolari

“Il nuovo servizio di navette – ha spiegato l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi – si affianca a tutte le misure per la mobilità alternativa già messe in campo e che vengono confermate. L’obiettivo è attenuare i disagi dei pendolari riducendo i tempi di attraversamento dell’Adda, nella consapevolezza però che solo la riapertura del ponte al traffico stradale e ferroviario potrà riportare la situazione alla normalità”.

Leggi anche:  Bullismo e cyberbullismo, la Regione fa squadra con le scuole

Stanziamento di 450mila euro

“Lunedì in Giunta – ha proseguito Terzi – approveremo la delibera per finanziare l’attivazione di questa tipologia di navette, con uno stanziamento che ammonta a 450mila euro per il 2019. Risorse che vengono interamente anticipate dalla Regione, in attesa del rimborso da parte dello Stato, anche per ovviare ad alcuni passaggi procedurali che avrebbero dilatato i tempi”. IMPEGNO DI

Regione in campo

“Finora come Regione – ha concluso Terzi – finanziamo servizi sostitutivi per oltre 1.821.000 euro, di cui 1.121.000 euro per i bus (collegamenti tra la Bergamasca e la Brianza lecchese attraverso il ponte di Brivio, servizio pullman per studenti, potenziamento linea bus Z301 tra Bergamo e Milano), 250mila euro per i treni aggiuntivi e 450mila euro per le navette ponte-stazioni”. Il servizio sarà temporaneamente esercito da Trenord fino a quando non entrerà in funzione il bus circolare gestito dalle Agenzie del Tpl. Le informazioni sugli orari saranno disponibili sul sito della società Trenord e presso le stazioni interessate. Con la conclusione dell’iter procedurale che coinvolge le Agenzie del Tpl di Bergamo e di Como Lecco Varese, sarà attivato un servizio di navette che collegherà le stazioni al ponte attraverso un percorso circolare e alcune fermate urbane, come richiesto dai sindaci.