“La riapertura al traffico veicolare del Ponte San Michele per dicembre di quest’anno è una buona notizia e va nella direzione auspicata da tutti”. Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, commentando le dichiarazioni dell’amministratore delegato di Rfi, Maurizio Gentile.  che oggi, lunedì 14 gennaio,  ha effettuato un sopralluogo  sul Ponte di Paderno.

LEGGI ANCHE

Ponte di Paderno, il Commissario Gentile: “Serve un nuovo ponte, la tragedia del Morandi ce lo ha insegnato”

 Sopralluogo del Commissario sul Ponte di Paderno TUTTE LE IMMAGINI

Ponte di Paderno: le date della riapertura

“La Regione Lombardia fin dal primo momento – ha spiegato Terzi – ha agito su Rfi affinchè facesse il possibile per ridurre le tempistiche. Positiva è anche la conferma della riapertura al transito ciclopedonale entro il mese di marzo. Dal canto nostro, siamo al lavoro per ottenere quanto prima le risorse stanziate in manovra finanziaria (1,5 milioni di euro) per potenziare le misure per alleviare il disagio di pendolari e imprese. Risorse che saranno messe in campo di concerto con il territorio”.

Leggi anche:  Sciopero Ryanair 22 e 23 agosto: disagi per chi rientra dalle vacanze

Da Regione Lombardia oltre 2 milioni di euro per i bus

“A proposito di soluzioni alternative per la mobilità – ha proseguito Terzi – la Regione nell’ultimo bilancio ha approvato uno stanziamento di 2,4 milioni di euro che include anche il potenziamento della linea autobus Z301 che collega Bergamo via Dalmine, Trezzo e Sesto San Giovanni: si tratta di 21 corse aggiuntive al giorno. Questo finanziamento, valido per il triennio 2019-2021, andrà a coprire le spese per i servizi sostitutivi che comportano un aumento delle percorrenze dei bus del Tpl, in ragione di problematiche infrastrutturali come può essere la chiusura di un viadotto”