Secondo impianto per la produzione di biometano a Masate. Questa mattina, giovedì 12 settemre 2019, conferenza di servizio nell’ex Provincia.

Secondo impianto per il biometano

Un iter ancora in  fase embrionale ma che sta andando avanti. E’ quello per l’autorizzazione all’insediamento a Masate di un secondo impianto per la produzione di biometano, proposto da Bio Energy. Una conferenza di servizio sul tema si è tenuta questa mattina, giovedì 12 settembre 2019, in città metropolitana. Sulla questione si è espresso anche il sindaco di Masate Pamela Tumiati.  “Ho fatto notare come questo impianto vada contestualizzato trattandosi del secondo insediamento di questo tipo che chiede l’autorizzazione – ha spiegato il borgomastro – Questo vuol dire che va a sommarsi al preedente, che ormai ha avuto il via libera da Città metropolitana, sotto ogni aspetto: impatto visivo, odorigeno, di consumo di suolo e di traffico. Città metropolitana mi ha risposto che la questione dipende dal piano regionale dei rifiuti. Se il primo impianto poteva essere considerato strategico per il ciclo dei rifiuti con il secondo le cose cambiano”. Intanto il Comune di Masate, così come altre Amministrazioni comunali sta vagliando se ricorrere al Tar contro l’autorizzazione all’impianto proposto da Energa. Un ricorso che Legambiente e i Comitati impegnati su questo fronte hanno deciso di presentare”.

Leggi anche:  Da Cassina e Bussero un secco "no" al trituratore di Cernusco

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE