Da venerdì 7 dicembre sarà possibile attivare lo Skipass Lombardia, la tessera ‘pay per use’ valida in Lombardia, che permette di evitare le code, sciare quanto si vuole e pagare, la sera, con addebito su carta di credito, esattamente per quanto sciato. Con questo progetto il sistema montano e sciistico della Lombardia collega, in un unico resort regionale, 22 località, 223 impianti offrendo 980 chilometri sciabili e 55 mila metri di dislivello.

Skipass Lombardia

Il nuovo skipass è stato presentato, oggi, in conferenza stampa dall’assessore regionale allo Sport e Giovani Martina Cambiaghi insieme a Massimo Fossati di Anef Ski, Cristian Pedretti, presidente del Collegio dei Maestri di sci, e Luciano Stampa dell’Associazione maestri sci italiani (Amsi). Sono stati, inoltre, presentati gli impianti sciistici lombardi già aperti, oltre agli open day di dicembre, promossi dal Collegio dei maestri di sci e Amsi.

Cambiaghi: “Strumento utile e smart”

“Per rendere più facile sciare e usare gli impianti di risalita – ha spiegato Martina Cambiaghi – torna lo ‘SkipassLombardia’, ampliato e migliorato. Si tratta di uno strumento utile e moderno, che vuole agevolare la vita di tutti gli sciatori e rendere più fruibili e smart i tanti comprensori sciistici della Lombardia. La Regione, approfittando dell’avvicinarsi del periodo magico invernale, vuole  promuovere le località di montagna e il turismo sportivo su neve.  “L’open day – ha concluso Cambiaghi – affianca, alle lezioni di tecnica nelle diverse discipline, insegnamenti sull’educazione alla sicurezza sulle piste, e sul rispetto delle nostre montagne, valori che vengono trasmessi da ogni pratica sportiva”.

Come funziona

Dopo un primo anno di sperimentazione, il servizio viene attivato con una più ampia adesione dei comprensori e con la garanzia di offrire alle persone le migliori tariffe delle diverse località, oltre alla possibilità di evitare code alle casse. Il sistema addebita direttamente su carta di credito il tempo effettivo trascorso sulle piste e applica le tariffe in base alla fascia oraria di utilizzo e all’età. Per richiedere la tessera gratuita e monitorare le proprie sciate, le ore esatte rilevate dai tornelli delle località è necessario registrarsi sul sito www.skipasslombardia.com. Per poter saltare le code alle casse sulle piste bisogna scaricare Snow app. Sul sito, inoltre, si
trova l’elenco dei comprensori sciistici che hanno aderito all’iniziativa.

Leggi anche:  Odiare il Natale: ecco perché alcuni di noi lo fanno

Open day sulle piste da sci

Sabato 15 e domenica 16 dicembre le scuole sci della Lombardia apriranno le porte ai bambini (a partire dai 4 anni) e agli adulti con lezioni collettive gratuite di due ore e per tutti i livelli tecnici nelle discipline dello sci alpino, sci nordico, snowboard e telemark.
Le scuole aderenti quest’anno sono 50 (circa il 90 per cento del totale). Dal 2008 a oggi sono stati coinvolti oltre 6.200 allievi all’open day, con un trend in continua crescita. Con l’edizione 2018, estesa all’intero weekend, si intende continuare a incrementare il numero dei praticanti, di tutte le età. Per partecipare è necessario contattare una delle scuole sci presenti nell’elenco consultabile sul sito
www.amsi-lombardia.com.

Le stazioni sciistiche in Lombardia

In Lombardia alcune sciovie sono già in funzione, altre apriranno venerdì 7 dicembre, compatibilmente con le condizioni atmosferiche. Sono già aperte le stazioni di Valtorta (Bg), Ponte di Legno (Bs), Tonale (Bs), Temù (Bs), Piani di Bobbio (Lc), Artavaggio (Lc), Aprica (So), Bormio e Oga (So), Chiesa Valmalenco (So), Livigno (So), Madesimo Campodolcino (So), Santacaterina (So), Valdidentro (So).

Apriranno il 7 dicembre le strutture di Carona, Colere, Foppolo, Monte Pora e Presolana, Piazzatorre, Selvino e Spiazzi di Gromo in provincia di Bergamo, Borno, Maniva e Montecampione in provincia di Brescia e Val Gerola in provincia di Sondrio.

Leggi anche: Sciare in Lombardia, ecco dove