Terremoto in Svizzera oggi, giovedì 20 settembre 2018, all’alba. La terra ha tremato non lontano dal confine Italiano.

Terremoto al Nord

Dopo il terremoto di due giorni fa con epicentro in Piemonte, la terra torna a tremare al Nord. Due scosse sono state infatti registrate dall’istituto di geofisica e vulcanologia nelle prime ore di oggi, giovedì 20 settembre 2018.

Prima scossa

La prima scossa si è registrata a Mottolino, al confine Austria-Svizzera, ad una profondità di 8,1 chilometri, alle 5.41. L’intensità è stata di 1.4 gradi sulla scala Richter e non si sono registrati danni a cose o persone. Vista la leggera intensità e l’orario la scossa non è stata avvertita da tutta la popolazione.

Seconda scossa

La seconda scossa invece è stata registrata alle 7.48 sul Julier Pass (Passo del Giulia), in Svizzera, al confine con l’Italia. L’ipocentro del terremoto si è registrato ad una profondità di 10 chilometri, per una intensità di 1.2 gradi sulla scala Richter. Anche in questo caso nessun danno a cose o persone e in pochissimi dovrebbero aver sentito la terra tremare.

Leggi anche:  Ponte di Paderno: iniziati i lavori alla galleria artificiale

Terzo terremoto a distanza di pochi giorni

Si tratta di terremoti di lievissima intensità ma che comunque possono mettere in allarme la cittadinanza, visto anche che si tratta di episodi geograficamente non troppo distanti e ravvicinati nel tempo. L’Engadina, “capitale” Saint Moritz, è una zona turistica a ridosso della Valtellina e della Val Chiavenna.