Truffe agli anziani: dalla Regione 170mila euro ai Comuni per la prevenzione Opportunità per enti con popolazione superiore ai 30mila abitanti.

Truffe agli anziani; nuovi contributi dalla Regione

Uno stanziamento di 170.000 euro per la prevenzione ed il contrasto dei reati contro la popolazione anziana. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato. Per la
realizzazione dei progetti sono stati stanziati 170 mila euro da assegnare in parti uguali ai Comuni che sottoscriveranno l’accordo: 70.000 euro per il 2019 e 100.000 euro per l’anno 2020. 

I progetti

Il contributo della Regione coprirà sino all’80% del costo del singolo progetto che potrà riguardare: accordi di collaborazione per iniziative formative, informative e culturali; interventi di assistenza di tipo materiale e psicologica; fornitura di materiali divulgativi; prestazioni del personale esterno al Comune e per l’assistenza di tipo materiale e psicologica alle vittime di reati.

Lettere ai comuni per aderire al bando

La misura è riservata ai Comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti. “Lo scorso mese – ha dichiarato De Corato – ho inviato una lettera ai 39 comuni lombardi, per segnalare loro l’opportunità di aderire alla proposta di sviluppare interventi a favore della popolazione anziana, in particolare, in contrasto alle truffe”.

Leggi anche:  "Sert ormai superati, serve un nuovo approccio". Arriva la proposta della Lega contro le dipendenze

“La Regione Lombardia – ha aggiunto l’assessore regionale alla Sicurezza – è attenta ai reati a danno della popolazione anziana. Dal 2015, grazie all’articolo 8 della legge regionale 17, promuove e sostiene iniziative formative, informative e culturali, nonché interventi di assistenza di tipo materiale e di assistenza psicologica, utili a prevenire e a contrastare i reati che colpiscono la popolazione anziana”.

Leggi anche:  Wifi gratis a Palazzo Arese Borromeo, attivato il terzo punto di accesso a internet della città.

Già diversi Comuni hanno aderito

Al momento sono 24 i Comuni lombardi che hanno aderito alla proposta. Eccoli di seguito:

PROVINCIA DI MILANO: Milano, Sesto San Giovanni, Abbiategrasso, Legnano, Corsico, Rho, Rozzano e Cinisello Balsamo.
PROVINCIA LECCO: Lecco
PROVINCIA DI MONZA-BRIANZA: Desio, Seregno, Limbiate e Lissone
PROVINCIA DI VARESE: Gallarate e Busto Arsizio
PROVINCIA DI CREMONA: Crema
PROVINCIA DI LODI: Lodi
PROVINCIA DI MANTOVA: Mantova
PROVINCIA DI BRESCIA: Brescia
PROVINCIA DI COMO: Cantù
PROVINCIA DI PAVIA: Pavia, Voghera e Vigevano
PROVINCIA DI BERGAMO: Bergamo.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI