Non è chiaro esattamente quando il fatto sia avvenuto su quella lunga tratta che da Milano attraversa la Martesana, transita per Treviglio, Chiari, Brescia, Desenzano e Verona per poi perdersi nel Nord Est per raggiungere in oltre quattro ore la lontana Trieste. Che la cosa si diventata virale era però ampiamente prevedibile: sì perché sul Frecciarossa Milano-Trieste una signora s’è rifiutata di stare accanto a una ragazza di origini straniere: ha detto “Vicino a una negra non ci sto”, si è alzata e ha cambiato posto sul treno.

“Vicino a una negra non ci sto”

La vittima incolpevole di quest’ultimo gesto di razzismo si chiama Shanti ed è una ragazza di 23 anni di origini indiane. A dar risalto alla notizia è stata però la madre adottiva, Paola Crestani, che nel capoluogo lombardo dove vive (e da cui la giovane è partita in treno alla volta di Trieste) è presidente del Centro Italiano Aiuti all’Infanzia, associazione che si occupa di difendere i diritti dei minori.

Leggi anche:  Troppe donne in Giunta. Esecutivo sotto la lente della Prefettura

Inquietante caso fotocopia

Coincidenza vuole che il caso italiano sia praticamente la fotocopia di un altro recentissimo fatto divenuto virale sul Web a livello internazionale. Teatro stavolta un volo Ryanair in partenza da Barcellona e diretto a Londra, dove un uomo ha iniziato a sbraitare contro una donna di origini giamaicane.