Si è concluso l’11 aprile il percorso formativo promosso dalla Rete Antiviolenza Adda Martesana sui temi del contrasto alla violenza di genere, cui hanno partecipato i Servizi territoriali del Distretto Sociale Est Milano, composto dai comuni di Pioltello, Vimodrone, Segrate e Rodano.

Violenza sulle donne, in Martesana c’è una rete

Nella sala eventi della biblioteca comunale di Pioltello si sono confrontati, sul delicato tema delle procedure da attivare e le collaborazioni da sviluppare in caso di segnalazione di violenze di genere, i consulenti e assistenti sociali dei Servizi sociali comunali, gli operatori Asst del Consultorio di Pioltello e Segrate, il Servizio sociale dell’Ospedale San Raffaele, le Forze dell’ordine (Carabinieri e Polizie Locali).
Grande soddisfazione tra gli operatori coinvolti nel progetto, che hanno riconosciuti di incontri di formazione di questo tipo, con tutti i soggetti coinvolti nella lotta alla violenza di genere. I Servizi sociali di Pioltello che hanno ospitato le sessioni di formazione, hanno voluto esplicitamente ringraziare il Comune di Melzo, capofila della rete Antiviolenza Adda Martesana e agli operatori del Progetto V.I.O.L.A. «che con la loro professionalità hanno dato pregio a questo percorso di grande valore».

L’obiettivo del percorso

Obiettivo del percorso formativo è stato rimettere al centro delle procedure e del sistema la persona che ha subito violenza, evitando che, nel periodo di accoglienza e orientamento tra i diversi servizi, rimanga sola e valorizzare le numerose risorse in campo. Durante la sessione formativa dell’11 aprile gli operatori e Forze dell’ordine hanno potuto confrontarsi sui punti di attenzione nello svolgimento delle rispettive competenze oltre che sulla possibile condivisione di strumenti omogenei di informazione e di valutazione da far utilizzare alle Forze dell’ordine nella fase di prima accoglienza per garantire un orientamento efficace in base ai bisogni espressi. Prima dell’11 aprile si sono tenuti, nel febbraio e marzo scorso, sempre presso la biblioteca di Pioltello, altri due incontri formativi. Temi delle sessioni: le procedure e modalità di lavoro della Rete antiviolenza, gli strumenti di comunicazione e di valutazione del rischio.

Leggi anche:  La pioggia non ferma la terza Part Fest, il VIDEO della prima serata

Lo sportello

«Nel Distretto esiste dal 2017 uno Sportello Donna a cui rivolgersi, anche solo per un confronto – hanno spiegato i Servizi sociali del Comune – Lo studio è ubicato presso il Polo sanitario Don Maggioni, viale San Francesco 16, ma, a garanzia della massima privacy delle donne, solo al momento della richiesta dell’appuntamento al numero dedicato, vengono date informazioni sulla sua collocazione all’interno del padiglione; lo spazio non è associabile alle attività a cui è dedicato».
Presso lo Sportello vengono offerte prestazioni di ascolto e orientamento qualificato, valutazione del rischio, sostegno psicologico e consulenza legale. Riceve su appuntamento il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 16,30 alle 18,30 (per prenotazioni telefonare il lunedì e mercoledì dalle ore 14,30 alle 18,30 al 3386072181 o scrivere mail sportellodonna@fondazionesomaschi.it). In caso di difficoltà a raggiungere la sede potrebbero essere organizzati colloqui in altre sedi attualmente al vaglio.
Lo Sportello Donna di Pioltello è connesso fortemente alla Rete Antiviolenza Adda Martesana che oltre, ai punti di ascolto e diverse iniziative, offre ai cittadini dei 28 Comuni dell’Adda Martesana la possibilità di realizzare percorsi di “messa in protezione” presso case rifugio. In caso di emergenze tel. 1522 (numero attivo 24 ore su 24, sette giorni alla settimana).

LEGGI ANCHE: Scappa di casa a piedi nudi per denunciare il marito violento

Cinquantenne allontanato da casa dopo le continue violenze sulla moglie

Violenza sull’ex moglie, finisce in carcere

Associazioni unite contro stereotipi e violenza

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI