A ottant’anni scala una vetta di 2.900 metri. Riccardo Lorenzi, membro dei Cai di Gorgonzola, città dove ha vissuto per decenni e gestito un negozio in centro, continua ad arrampicarsi.

A ottant’anni scala una vetta

Si dice che i limiti spesso ce li imponiamo da soli. Riccardo Lorenzi, ottant’anni, ha deciso di mettersi alla prova ancora una volta e di scalare una vetta di 2.900 metri per poi brindare in cima con gli amici. L’uomo è iscritto al Cai di Gorgonzola, città dove ha vissuto per decenni gestendo un negozio in centro.

Una passione coltivata da giovane

Il legame con Gorgonzola è ancora vivo anche se ormai Lorenzi vive a Spiazzo, nel Trentino. Due anni fa era tornato a trovare gli amici del Cai, che gli avevano consegnato un riconoscimento nel 60esimo della fondazione della sezione con sopra scritto: “Al grande rocciatore. Uniti da un’unica passione per la montagna”. L’ottantenne, infatti, ha sempre coltivato questa sua passione sin da quando aveva 15 anni.

Leggi anche:  Attraversa l’autostrada A1 a piedi: travolto e ucciso da una macchina

Scalatore di natura

Lorenzi è arrivato fino a quota  6.700 metri. Per il suo compleanno si è regalato una salita al Campanile Basso di Brenta a un’altezza di quasi tremila. L’intenzione è quella di andare avanti finché la salute lo permetterà.

Tutti i dettagli, l’intervista e le foto storiche sul numero della Gazzetta della Martesana in edicola e online da sabato 9 febbraio 2019.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.