Aggredita dal compagno chiama i carabinieri.

Aggredita e minacciata chiede aiuto ai militari

Ha subito vessazioni per tempo ma poi ha deciso di chiedere aiuto ai carabinieri. Nella serata di ieri, sabato, a Truccazzano, i militari della stazione di Melzo hanno arrestato in flagranza un 46enne del posto, con un precedente di Polizia, per il reato di “possesso di armi clandestine”. Intorno alle 19 una 34enne colombiana, stanca di alcune aggressioni e minacce subite dal convivente negli anni, l’ultima alcuni minuti prima proprio con un’arma, ha denunciato per la prima volta il 46enne per “maltrattamenti in famiglia”, attivando l’attività dei carabinieri a tutela della vittima.

I controlli e le armi abusive

Dopo aver localizzato intorno alle 22 l’uomo in un esercizio pubblico del posto, i militari hanno cautelativamente ritirato i sei fucili che aveva legalmente denunciato in casa. In quel contesto, dato lo strano nervosismo dell’uomo, i militari hanno deciso di procedere a un più accurato controllo che ha consentito il recupero di una pistola calibro 9 con matricola abrasa e di una calibro 7.65 con matricola punzonata, oltre alla presenza di munizionamento vario e alcuni coltelli di cui l’uomo non ha fornito giustificazioni. Per tale motivo, il 46enne è stato arrestato in flagranza e associato alla casa circondariale di San Vittore a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Le due armi clandestine verranno inviate al Ris di Parma per verificare l’eventuale utilizzo in attività delittuose.

Leggi anche:  Esplode un Postamat a Cambiago, banditi fuggiti con il bottino

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.