In pochi giorni si sono registrati diversi episodi analoghi. Due ragazzi bergamaschi sono annegati sul lago d’Iseo a Brescia, mentre un 24enne è morto nel Pavese e non ce l’ha fatta l’Imam brianzolo finito nell’Adda.

Inghiottiti e ripescati dal lago: tragico epilogo per due fratelli

Hanno tentato di rianimarli per minuti che sono diventati ore, hanno tentato di fare di tutto per salvarli, ma purtroppo per i due fratelli di 16 e 17 anni di Azzano San Paolo che ieri sono stati inghiottiti e poi recuperati a quattro metri di profondità a quindici metri dalla spiaggia pubblica di Tavernola Bergamasca, sul lago d’Iseo, non c’è stato nulla da fare.

DA BRESCIASETTEGIORNI.IT

Si erano tuffati per fare il bagno con un altro fratello, di 19 anni, quando qualcosa è andato storto e sono finiti sott’acqua. Il maggiore si è salvato grazie all’intervento di un residente, che gli ha lanciato una ciambella cui aggrapparsi. Gli altri due, invece, sono rimasti sotto la superficie dell’acqua per una ventina di minuti circa.

Si è tuffato per recuperare la canna da pesca

Andrei Zisu aveva 24 anni, di origine romene abitava ormai da tempo a Voghera e di mestiere faceva il camionista. Il 15 agosto 2019, per festeggiare Ferragosto, insieme alla sua fidanzata e al suo nipotino si è diretto al Parco Palustre di Lungavilla (non lontano dalla sponda destra del Po) con l’intenzione di passare una tranquilla giornata tra pesca, cibo e affetto.

Leggi anche:  Incendio in un deposito rifiuti nella notte a Cambiago

DA GIORNALEDIPAVIA.IT

Poco prima delle 19 di quel giorno però la canna da pesca gli è caduta in acqua e, senza pensarci troppo nonostante la balneazione in quella zona sia vietata, Andrei si è tuffato per riprenderla senza però riemergere.

Malore nell’Adda, tragedia a Ferragosto

Non ce l’ha fatta Said Hagar, 41 anni, referente della comunità islamica di Carnate (Monza e Brianza), colpito nel pomeriggio di Ferragosto da un malore mentre faceva il bagno con il figlio nelle acque dell’Adda a Cornate d’Adda. Ricoverato a Bergamo, è spirato poche ore più tardi in ospedale.

DA GIORNALEDIMONZA.IT

L’uomo stava trascorrendo il Ferragosto con la moglie, i quattro figli e alcuni amici sulle rive dell’Adda. Si trovava in acqua con il figlio 14enne quando all’improvviso è stato colto da un malore ed è caduto in acqua, venendo trascinato via dalla corrente.

LEGGI ANCHE:

Rischia di annegare nel lago di Lecco, salvato da due turisti

Domenica da bollino rosso all’Adda: tre persone soccorse FOTO