L’amministratore spegne gli ascensori in tutti i palazzi, di otto piani ciascuno, perché il condominio di via Cilea 3 a Pioltello ha troppi debiti con i fornitori.  Coloro che hanno ridotta mobilità rischiano di restare “sequestrati” nelle loro abitazioni.

L’amministratore spegne gli ascensori

Solo il 30% degli inquilini di via Cilea 3 paga regolarmente le spese condominiali. Così l’amministratore si è trovato a far fronte a debiti mostruosi. Basti considerare che il portiere vanta verso gli inquilini un credito che si aggira intorno ai 120mila euro. L’unica soluzione, approvata dall’assemblea condominiale, è stata tagliare alcuni servizi tra cui gli ascensori e la portineria. Peccato che all’interno dei palazzoni del Satellite abitino anche anziani, persone disabili e donne incinte che rischiano di avere seri problemi per uscire dalle loro residenze.

Di nuovo nell’incubo

Tra coloro che si trovano “carcerati” nelle loro abitazioni anche Antonio Nocitra, Tony, il 40enne con disabilità che per lungo tempo ha combattuto per ripristinare l’ascensore della sua scala guasto da 5 anni. Nel 2017 i vicini si erano uniti per sostenere la spesa e permettergli di uscire di casa senza dover utilizzare le spalle del padre come mezzo di locomozione. Oggi si ritrovano punto e a capo.

Leggi anche:  Il "pieno" di birre finisce male: un arresto dei carabinieri

La notizia completa la trovi sul giornale in edicola e nella versione online per Pc, Smartphone e tablet. 

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE.