Autobus incendiato, le reazioni della politica da Regione Lombardia con l’assessore Rizzoli e il consigliere Lucente: “ero a pochi metri dall’incendio”.

Autobus incendiato, le reazioni politiche

“Stiamo seguendo con molta attenzione quello che sta accadendo e siamo in diretto contatto con l’Ufficio scolastico regionale della Lombardia per raccogliere elementi su questa terribile vicenda. Siamo molto colpiti da questo gesto folle – ha spiegato l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli -. Chi di dovere stabilirà le responsabilità di un atto così grave reso ancora più esecrabile per il fatto che a bordo del bus c’erano giovani studenti delle scuole medie. Per loro non sarà facile dimenticare l’apprensione e l’angoscia procurate da quanto accaduto oggi”.

“Ero a pochi metri dall’incendio”

“Ero presente personalmente sulla Sp415,  a pochi metri dall’incendio al bus appiccato da Ousseynou Sy, il 47enne che ha sequestrato il mezzo con a bordo una cinquantina di studenti e poi gli ha dato fuoco, minacciando di uccidersi – ha affermato Franco Lucente, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia  – Ho visto i ragazzini abbracciarsi tra di loro e piangere, ho visto le fiamme alte e il fumo denso. Era uno scenario apocalittico e l’unico sollievo è che gli studenti siano tutti sani e salvi. Certo, adesso dovranno fare i conti con lo shock e i contraccolpi psicologici. Resta una domanda scomoda, ma che dobbiamo farci: perché un uomo con precedenti per guida in stato di ebbrezza e violenza sessuale era alla guida di un bus? Mette i brividi solo a pensarci”.

“È questo il modello di integrazione di cui va parlando la Sinistra?”

“L’episodio del senegalese, per di più con precedenti penali, che a San Donato Milanese ha dato fuoco all’autobus che stava guidando per protestare contro i morti in mare dovrebbe farci riflettere sulle ‘risorse’ che certa Sinistra ci porta in casa”. Così il consigliere regionale del Carroccio Federico Lena, cremonese, ha commentato quanto accaduto sulla Paullese tra San Donato e Peschiera Borromeo. “L’aspetto allucinante è che sino ad un momento prima sull’autobus c’erano 51 ragazzini cremaschi, studenti delle medie in gita, fortunatamente fatti scendere – ha aggiunto -. È spaventoso appurare che il piromane non è, come detto inizialmente, un esaltato che aveva fermato il bus, ma l’autista stesso del pullman. È questo il modello di integrazione di cui va parlando la Sinistra? Forse sarebbe l’ora che qualche ‘anima bella’ radical-chic la smetta di scendere in piazza per protestare a vanvera contro chi vuole rimpatri e porti chiusi e si interroghi su talune bombe ad orologeria, che spero esser casi rari, che ci ha portato in casa”.

“Poteva essere una strage, ora pene esemplari”

“Poteva essere una strage ma grazie all’intervento tempestivo e coraggioso dei Carabinieri ora non siamo qui a piangere la vita di 51 bambini innocenti – ha ccomentato il consigliere regionale del Carroccio Silvia Scurati -. È gravissimo che un individuo, con precedenti per guida in stato di ebbrezza e violenza sessuale, sia stato libero di guidare un pullman scolastico e oggi, con tanto di taniche di benzina, ha puntato dritto verso la pista di Linate con il chiaro obiettivo di fare una strage, evidentemente premeditata. Stando alle prime ricostruzioni e alle frasi deliranti del senegalese contro le politiche di questo Governo, quanto accaduto deve farci riflettere sul clima di odio fomentato dalla sinistra, dalle loro manifestazioni contro le istituzioni e in particolare di ogni tipo di ingiuria formulata contro il Ministro dell’Interno e le giuste politiche attuate in materia di sicurezza e di immigrazione. Davanti a tutto questo qualche anima bella di sinistra deve farsi l’esame di coscienza. Rivolgo un abbraccio ai bambini e alle loro famiglie. Ora vogliamo pene esemplari”.

Leggi anche:  Incidente sulla Sp14, un morto e sei persone ferite FOTO

“Giornata di follia, grazie al coraggio dei carabinieri”

“Giornata di ordinaria follia alle porte di Milano, dove un autista di origine senegalese ha dato fuoco a un autobus che trasportava studenti delle scuole medie. Ringraziamo i Carabinieri, che con grande coraggio e sprezzo del pericolo sono riusciti a portare in salvo tutti i ragazzini. Poteva andare diversamente. Poteva essere una mattinata di tragedia. Possiamo tirare un sospiro di sollievo, ma le indagini proseguiranno. Dobbiamo chiederci come sia possibile che un uomo con alle spalle reati come la violenza sessuale e la guida in stato di ebbrezza, abbia avuto la possibilità di mettersi alla guida di un autobus  con a bordo dei ragazzini. Intanto sono vicina ai giovani studenti e alle loro famiglie, che dovranno superare questo difficile momento”. Lo ha detto Barbara Mazzali, consigliere di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia

Dal Pd un plauso a chi ha gestito l’emergenza

“Questa brutta vicenda si è conclusa bene grazie al coraggio delle insegnanti, degli studenti stessi e all’operato immediato e professionale delle forze dell’ordine a cui va il ringraziamento di tutti. Tempestivo e generoso è stato anche l’intervento del sindaco di Crema Stefania Bonaldi, che si è subito recata sul posto ed è stata a fianco delle famiglie, e di San Donato Milanese Andrea Checchi, che ha messo a disposizione dei ragazzi coinvolti i locali di una scuola e ha attivato tutta la necessaria assistenza sanitaria e logistica per coadiuvare le forze dell’ordine. Ora, però, occorre capire come sia possibile che non ci sia trasferimento di informazioni alle aziende di trasporto relative a reati o problemi di carattere giudiziario a carico dei loro lavoratori. Le aziende devono essere messe nelle condizioni di garantire la massima sicurezza nei servizi che erogano. Ora è importante, soprattutto per i ragazzi coinvolti nella vicenda, che si evitino inutili strumentalizzazioni e si mettano loro e le rispettive famiglie nelle migliori condizioni per superare il trauma subito. La sicurezza si garantisce con il lavoro di tutti e di certo non con polemiche che purtroppo stiamo ascoltando anche in queste ore”. Lo hanno dichiarato il capogruppo del Pd in Regione Fabio Pizzul e il collega Matteo Piloni, che ha passato il pomeriggio nella scuola di San Donato accanto ai ragazzi e agli insegnanti vittime del sequestro e dirottamento del bus conclusosi a Peschiera Borromeo grazie all’intervento delle Forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE: Paullese senegalese incendia autobus: ha sequestrato una scolaresca

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.