Biogas, l’impianto potrebbe rovinare… il gorgonzola. Arriva anche il no di Agrilombardia contro la realizzazione della centrale a biometano di Masate.

Biogas no, sì allo zola

Si è ulteriormente allargata la platea di chi si è schierato per il no al nuovo impianto biogas di Masate. A sedersi al tavolo dei contrari è questa volta Agrilombardia, sodalizio che raccoglie circa mille imprenditori agricoli lombardi, che è sceso in campo a difesa degli agricoltori che operano nei dintorni dell’area in cui l’impianto potrebbe sorgere.

Zona agricola di pregio

L’area di confine fra Masate e Bellinzago raccoglie circa dieci produttori di latte che forniscono il 50% della materia prima utilizzata in Lombardia per il gorgonzola dop. “E’ una presa di posizione che arriva dalle richieste dirette degli agricoltori – ha spiegato il presidente di Agrilombardia Giovanni Giubilini – Si parla di aziende di qualità con strutture solide e moltissimi capi che ora sono legittimamente preoccupate”.

Leggi la notizia sul giornale in edicola o nella versione sfogliabile per Pc, Smartphone e Tablet.

Leggi anche:  Bambino di un anno cade al suolo, un ubriaco a Cologno. SIRENE DI NOTTE

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI