Carabinieri chiudono “bancarella della droga”: nei guai due minori. Hanno 15 e 17 anni. Sono stati fermati in un parchetto: in tasca avevano anche i bilancini per pesare le dosi.

Due minorenni nei guai per droga

Sono stati denunciati a piede libero i due ragazzi che ieri mattina, venerdì, sono stati fermati e sottoposti a controllo dai Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni all’interno del Parco Tirelli di Cusano Milanino, Hinterland di Milano. Addosso gli è stata trovata prima di tutto della droga: una dose di marijuana, da un grammo, e un’altra dose di hashish, da 5 grammi. Sarebbero stati “semplicemente” segnalati come assuntori di stupefacenti, se dalle loro tasche non fosse spuntato fuori dell’altro. “Prove” che i due giovani non erano dei semplici “consumatori”, ma veri venditori.

Avevano anche bilancini di precisione e contanti

Nelle tasche dei giubbotti avevano entrambi un bilancino di precisione, usato per pesare con esattezza le dosi da vendere “al dettaglio”. Non solo: avevano anche contanti, 50 euro per l’esattezza, che i Carabinieri ritengono essere provento dello spaccio. Con ogni probabilità, poco prima dell’arrivo dei militari, avevano già concluso qualche “affare”. I due baby pusher – italiani, residenti a Paderno Dugnano e nella stessa Cusano, incensurati – sono stati denunciati a piede libero e riconsegnati ai loro genitori, ignari della modalità scelta dai loro figli per “arrotondare” la paghetta.

Leggi anche:  Addio a Felice Gimondi: "Icona di grinta, resilienza e passione autentica"