Lutto in città per la morte dell’assessore all’Istruzione e Cultura Aristide Caramelli. E’ spirato questa mattina, giovedì, in ospedale dove da tempo era ricoverato.

Lutto a Cassano, è morto Aristide Caramelli

Questa mattina, giovedì, in ospedale, dove era ricoverato da qualche tempo per via delle precarie condizioni di salute, Aristide Caramelli, assessore all’Istruzione e alla Cultura, si è spento. Aveva 74 anni. Cassanese d’adozione, si era trasferito lungo l’Adda dal 1975, laureato in Architettura con specializzazione Restauro dei monumenti, aveva poi svolto l’incarico di preside di licei artistici e istituti d’arte.

E’ stato per dieci anni difensore civico

In città (ma anche a Fara di Gera d’Adda), prima di diventare un politico, era conosciuto in qualità di difensore civico. Aveva ricoperto quel ruolo dal 2001 al 2011. “Sono consapevole di non essere, purtroppo riuscito a risolvere tutte le problematiche che mi sono state sottoposte – aveva lui stesso ricordato – Ma sono altrettanto convinto che la sincera passione con la quale ho sempre tentato di immedesimarmi nelle difficoltà e nel disagio di ognuno, abbia comunque lasciato un positivo ricordo in parecchi cassanesi”.

Leggi anche:  Ragazzo accusa un malore in casa, i soccorsi arrivano dal cielo

Il ricordo del primo cittadino

“Ci lascia una persona pacata e gentile, apprezzata da tutti per il suo impegno e la sua voglia di rendersi utile alla comunità – ha detto il primo cittadino Roberto Maviglia – Ha interpretato il suo lungo impegno pubblico, prima da difensore civico e poi da amministratore, come un “servizio dedicato alle persone”. Ciao Aristide … e grazie”.

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.