“Ho il cuore spezzato”; non è riuscito a dire altro don Ettore Bassani, amico di Nilde Caldarini morta per lo shock giovedì notte dopo che un sasso aveva centrato l’auto sulla quale viaggiava (LEGGI QUI).

Una donna di fede

Nilde Caldarini tornava da una serata di raccoglimento a Pontirolo Nuovo, in provincia di Bergamo, organizzata dalla comunità AGA che si occupa del recupero di tossicodipendenti. Aveva deciso di impegnarsi dopo la morte del figlio di 24 anni, avvenuta quindici anni fa. «Non riesco a dire niente, scusatemi, ho il cuore spezzato». Lo ha detto all’Ansa, alla fine della messa celebrata nel palazzo delle Marcelline don Ettore Bassani. Il religioso era forse la persona forse spiritualmente più vicina alla vittima morta per lo schock giovedì notte. Originario della Bergamasca, il religioso è infatti l’animatore degli incontri di preghiera a cui lei partecipava assiduamente.

Il ricordo di don David

 Anche don David, prete della parrocchia Santa Maria Assunta a Cernusco, che si occupa dell’oratorio Sacer ha ricordato la grande fede di Nilde.  Il sacerdote ha spiegato che in paese c’è un valido tessuto sociale e mediamente la gente non se la passa male. E non si ricorda di tensioni giovanili particolari, in questi ultimi tempi.  Anche se i carabinieri stanno concentrando le indagini proprio sui giovani che abitualmente frequentano il terrapieno da dove giovedì notte è partito il sasso (LEGGI QUI).