Estorsione tentata per un debito non pagato. Protagonisti due pioltellesi che hanno preso di mira il titolare di un pub di Liscate. “O paghi o ti bruciamo il locale”. La vittima delle minacce, però, ha trovato il coraggio di denunciare.

Il coraggio di denunciare l’estorsione

Ha avuto il coraggio di denunciare due persone che lo tormentano e lo minacciano per un debito.
Il titolare di un pub di Liscate era vittima delle minacce di due pioltellesi che volevano da lui quasi 3mila euro: 2mila come pagamento di un debito, mille come… interessi. Ma lui non si è fatto intimidire e ha reagito, denunciandoli.

La vicenda

La vicenda si è svolta tra Pioltello, Melzo e Liscate nei mesi scorsi. Quattro i protagonisti: il titolare di un bar, due strozzini e un creditore. Tutto è cominciato prima dell’estate quando il barista ha chiesto 2mila euro a Giuseppe Larosa e Davide Siciliani, entrambi pioltellesi, per saldare un conto precedente. «Avevo tutte le intenzioni di sistemare le cose e, anzi, stavo mettendo da parte il necessario», ha ammesso il titolare.

Leggi anche:  Rissa in pieno centro a Cassano d'Adda

I creditori non volevano aspettare

Peccato che i due non volevano aspettare. «Ho dato loro un assegno, ma è risultato scoperto – ha proseguito – Il che li ha fatti arrabbiare. Sono venuti qui e mi hanno minacciato. “Tira fuori quei soldi o ti facciamo saltare il locale”, mi hanno detto». Poi hanno fatto irruzione nel suo locale di notte, ripresi dalle telecamere. A quel punto lui li ha denunciati.