Insulti razzisti sull’auto del giovane medico di colore. Spregevole episodio ai danni di Andi Nganso, 32 anni. E purtroppo non è la prima volta che accade.

Insulti razzisti contro il medico di colore

Di origini camerunensi e in Italia dal 2006, Nganso è finito nel mirino di un anonimo odiatore mentre si trovava a Roma. E’ accaduto alcuni giorni fa. Dottore della Croce Rossa Italiana (fa infatti parte del Comitato nazionale), ha scelto Sesto San Giovanni come città in cui vivere. E qui ha iniziato a partecipare attivamente alla vita associativa, diventando (per fare solo un esempio) un collaboratore del sodalizio Ventimila Leghe, che organizza i viaggi della Memoria nei campi di concentramento nazisti. La Ford Fiesta di Nganso è stata vandalizzata mentre il dottore della Cri si trovava a Roma. La foto è stata diffusa dal presidente nazionale della Croce Rossa, che ha duramente condannato quanto accaduto: “È ora di fermare questo clima di razzismo, odio e intolleranza che sta crescendo nel nostro paese. #SiamoTuttiFratelli e #tutticonAndi. Stop al razzismo in nome dell’Umanità”, ha scritto sui social Francesco Rocca.

Leggi anche:  Incidente stradale fra auto e moto in viale Fratelli Casiraghi a Sesto San Giovanni

Ennesimo episodio di razzismo nei confronti del 32enne

Purtroppo non è la prima volta che il 32enne viene preso di mira. Nel gennaio 2018, mentre era in servizio nella Guardia medica di Cantù, Nganso era stato insultato da una paziente, che si era rifiutata di farsi visitare. A esprimere solidarietà al dottore era stato poi anche il sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano, che lo aveva voluto incontrare in Comune.