Investita da un pirata della strada la notte di sabato 3 novembre, oggi pomeriggio Dragana Pecirep è stata salutata per l’ultima volta dai familiari, dagli amici e dai conoscenti.

Investita da un pirata, in tanti per l’addio

La chiesa di Sant’Andrea a Pioltello era gremita di persone che hanno voluto stringersi intorno ai familiari di Dragana per l’ultimo saluto. In prima fila la figlia della 35enne, Veronica, studentessa del Machiavelli che era accompagnata dai familiari Alessandro Rurale, dal compagno della donna Rino Brigliadoro, dalle sorelle e dal cognato. Ma soprattutto dall’affetto di tantissimi amici che hanno  voluto darle l’ultimo addio oggi, martedì.

Attorniata dai fiori

Intorno al feretro di Dragana tantissimi fiori, donati dagli amici, dai conoscenti, dai familiari, dalle aziende di moda e di organizzazione di eventi che hanno collaborato con lei in questi anni. Un attestato di stima e di gratitudine per una donna che, come sottolineato da chi l’ha conosciuta, si è sempre contraddistinta per il suo sorriso e per la sua determinazione.

Leggi anche:  Cadute, intossicazioni, infortunio e un'aggressione SIRENE DI NOTTE

Un pensiero per la figlia

Il pensiero di don Roberto Laffranchi, che ha officiato la funzione, è andato in particolare verso la figlia di Dragana, Veronica. La 15enne che si è vista strappare la madre all’improvviso, senza alcuna spiegazione. A lei si sono stretti i familiari e gli amici. Presenti tanti compagni di scuola, i professori, tutti con gli occhi lucidi per le lacrime e il cuore gonfio di dolore.

Addio “Anima fragile”

Il momento più sentito della funzione è stato sicuramente all’uscita della salma quando nel piazzale della chiesa le è stato regalato l’ultimo tributo. Gli amici infatti hanno fatto risuonare la canzone “Anima fragile” di Vasco Rossi, ultimo saluto a una “farfalla” che adesso volerà in Cielo.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE.