L’addio a Shirley Ortega Calangi, la 49enne che ha perso la vita il 7 dicembre 2019 nello scontro tra un filobus e un mezzo della nettezza urbana in viale Bezzi a Milano, la comunità filippina lo ha dato a Cassina de’ Pecchi, lontano dalla metropoli.

La comunità filippina

In paese sono tanti infatti i residenti originari del Paese asiatico. Oggi pomeriggio, sabato, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Ausiliatrice, sono stati celebrati i funerali ai quali hanno voluto partecipare anche i vertici di Atm. “Hanno chiamato per chiedere se potevano venire – ha spiegato il compagno Christian Ghinaglia, prima dell’inizio della funzione – Shirley non avrebbe chiuso le porte a nessuno. La colpa è di una persona, non di Atm”.

Atm e il console

Così tra i banchi hanno preso posto anche il presidente di Atm Luca Bianchi, il direttore Arrigo Giana e alcuni dipendenti. E’ poi intervenuto anche il console delle Filippine a Milano Mersole  Mellejor: “Ho incontrato il sindaco di Milano Giuseppe Sala quando ero andato in ospedale – ha detto – Mi ha portato la vicinanza della città. Si è trattato di un incidente. Nessuno vorrebbe che avvenissero gli incidenti. Ora il mio compito è aiutare i familiari che desiderano che Shirley sia riportata nelle Filippine”.

Leggi anche:  Intossicazioni etiliche e aggressione SIRENE DI NOTTE

La cerimonia

A celebrare la funzione è intervenuto padre Norman De Silva. “Possiamo fare poco per Shirley – ha detto nell’omelia che ha pronunciato in filippino – Ma una cosa importante possiamo farla: pregare. Ogni giorno non dimentichiamo di pregare per lei”.

La sorella

Al termine della cerimonia è intervenuta la sorella di Shriley, che in lacrime, sempre in lingua filippina, ha rivolto un pensiero ricordando la madre che la attendeva a migliaia di chilometri di distanza.

Leggi anche

Incidente filobus-camion Amsa, il guidatore: “Ho avuto un malore”

Il video dello scontro fra filobus e camion dei rifiuti a Milano: morta la passeggera in coma

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.