Cronaca provinciale14 Novembre 2019

L’ex europarlamentare Lara Comi arrestata per corruzione

E’ accusata di finanziamento illecito, corruzione e truffa aggravata proprio a danni del parlamento Europeo.

La Guardia di Finanza di Milano e Busto Arsizio (Varese) ha arrestato l’eurodeputata Lara Comi, l’ad dei supermercati Tigros Paolo Orrigoni (entrambi ai domiciliari) e il dg di Afol Metropolitana Giuseppe Zingale (in carcere).

Arrestata Lara Comi

Ai domiciliari l’ex parlamentare di Forza Italia, Lara Comi, e l’imprenditore Paolo Orrigoni, titolare della catena di supermercati Tigros ed ex candidato leghista a sindaco di Varese. In carcere Giuseppe Zingale, ex direttore dell’Agenzia per il lavoro Afol. L’inchiesta è quella nota con il nome di “Mensa dei poveri”, all’ ex eurodeputata azzurra contestati cinque capi di imputazione.

Si era dimessa da Strasburgo in primavera

Accusata di finanziamento illecito ai partiti, la forzista di Saronno a giugno aveva deciso di rinunciare al ruolo da eurodeputata

 “Cara Lara, prendo atto con profondo rispetto della tua scelta di rinunciare a rimanere nel Parlamento Europeo, nonostante il tuo ottimo risultato elettorale, conquistato in una situazione difficile”, scriveva il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in una lettera a giugno.

Lara Comi

Come riporta il nostro quotidiano online Settegiorni.it, è accusata di finanziamento illecito, corruzione e truffa aggravata proprio a danni del parlamento Europeo.

Inchiesta “Mensa dei poveri”

Poche ore fa i militari della Guardia di Finanza di Milano e Varese hanno notificato ai tre – già coinvolti nel primo filone dell’inchiesta “Mensa dei poveri”, per il quale sono state chiuse le indagini per 71 indagati (e all’arresto anche di Nino Caianiello di Forza Italia) – un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Raffaella Mascarino e chiesta dai pm Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri per corruzione e finanziamento illecito e truffa.

Ben 95 indagati, 43 misure cautelari, 12 delle quali in carcere. Questo era stato l’esito della maxi operazione “Mensa dei poveri” partita all’alba di martedì 7 maggio 2019 dalla Lombardia e ramificatasi anche in altre regioni. Nei guai anche diversi politici. Le accuse: associazione per delinquere aggravata dall’aver favorito un’associazione di tipo mafioso e finalizzata al compimento di plurimi delitti di corruzione, finanziamento illecito ai partiti politici, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, false fatturazione per operazioni inesistenti, auto riciclaggio e abusi d’ufficio.

Il Tribunale del riesame di Milano ad agosto ha scarcerato e disposto i domiciliari per Pietro Tatarella coinvolto nell’inchiesta. Il candidato di Forza Italia alle Europee e consigliere comunale a Milano era finito sotto la lente dei magistrati insieme a un altro collega di partito molto noto, Fabio Altitonante sottosegretario e consigliere in Regione.

Prima tranche: finanziamento illecito

A Comi sono contestati tre diversi tipi di reati. La prima tranche d’indagine riguarda 31mila euro ricevuti dalla sua società, la Premium Consulting Srl con sede a Pietra Ligure (Savona), per finanziare la sua campagna elettorale in vista delle elezioni europee del 26 maggio 2019. Un finanziamento illecito pagato secondo gli inquirenti in due tranches dal presidente di Confindustria Lombardia, il bresciano Marco Bonometti, indagato per una consulenza sotto forma di acquisto di una tesi di laurea (in realtà liberamente reperibile e scaricabile dal Web e discussa da uno studente dell’università Luiss di Roma nel 2014) e destinati all’europarlamentare di Forza Italia.

Leggi anche:  Furto di furgoni: tre arresti dei Carabinieri in una notte

Seconda tranche: Afol metropolitana

Afol metropolitana è l’Agenzia formazione e lavoro che gestisce nell’ex Provincia di Milano per esempio i centri per l’impiego. Il suo ex direttore generale Giuseppe Zingale (si è dimesso ieri, mercoledì 13 novembre 2019) avrebbe beneficiato di un indebito pagamento direttamente dalla società della Comi, la Premium consulting, per una consulenza.

Terza tranche: il Parlamento europeo

Comi è infine accusata d’aver truffato l’assise di Strasburgo. Un terzo dello stipendio del suo ex addetto stampa Andrea Aliverti (portato da mille e tremila euro al mese e rimborsato dal Parlamento europeo) in sostanza tornava secondo gli investigatori nelle tasche dell’eurodeputata, che nel suo staff aveva pure arruolato il discusso Nino Caianiello, ex coordinatore provinciale di Fi, ritenuto la mente proprio del giro di mazzette al quale è stata applicata l’etichetta “Mensa dei poveri”.

Personaggio politico in vista

Occhi azzurri, piglio sicuro, carattere determinato: Lara Comi è stata a lungo una delle personalità emergenti della politica lombarda. L’ex “ragazza d’oro” in passato era salita agli onori delle cronache anche per una brutta storia che l’aveva vista come vittima e che l’aveva anche resa in qualche modo testimonial delle campagne antiviolenza.

LEGGI ANCHE: Arrestato a Lecco lo stalker dell’europarlamentare Lara Comi

La prima reazione dal M5S

“Dopo le 43 misure cautelari emesse nel maggio scorso, questo è l’ennesimo arresto legato all’operazione “Mensa dei Poveri”. La Legge “Spazzacorrotti”, fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle, sta dimostrando che se gli inquirenti hanno a disposizione degli strumenti validi per indagare vengono scoperchiati i Vasi di Pandora – commenta Raffaele Erba, consigliere regionale pentastellato – La corruzione diffusa è una vera emergenza nel nostro Paese. Molti cercano di distrarre le persone da questo tema per minimizzare fatti gravissimi. Un plauso alle Forze dell’Ordine che finalmente iniziano a disporre di armi efficaci per il contrasto del malaffare”.

Pizzul (Pd)

“La privazione della libertà personale è una misura grave che lascia sempre perplessi e causa un grande impatto sulla vita delle persone coinvolte e delle loro famiglie – ha detto – il capogruppo del Pd in Regione Fabio Pizzul Le indagini, per quanto è stato reso noto, restituiscono un quadro preoccupante e poco trasparente di commistione tra politica e gruppi di potere locali che promuovono in modo disinvolto l’interesse privato. E sembra che queste abitudini abbiano potuto prosperare a lungo. La tutela della legalità in ambito pubblico è una conquista mai scontata. Confidiamo che la magistratura possa chiarire presto tutte le responsabilità nel rispetto della dignità delle persone. Tocca poi alla politica e ai suoi rappresentanti, ad ogni livello, garantire il massimo impegno perché questi fatti non si ripetano”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *