AGGIORNAMENTO: PAOLINO VILLA E’ STATO FERMATO DAI CARABINIERI RITENUTO RESPONSABILE DELL’OMICIDIO DELLA SORELLA E DELLA NIPOTE.

Sono Amalia Villa di anni 84 e Marinella Ronco di anni 56 le due donne, madre e figlia, trovate morte in casa a Ornago. Il fratello di Amalia, Paolino Villa, che viveva con le due donne, si sarebbe sentito male questa mattina al bar di fronte all’abitazione e sarebbe stato trasportato in ospedale.

Quando è stato il momento di avvisare le due donne del malore dell’uomo sarebbe stata fatta la macabra scoperta nell’abitazione. Il fratello e zio di Amalia e Marinella è un ex operaio dell’Alcam di Ornago, molto conosciuto in paese e con un passato nel volontariato.

Non si tratta di morte naturale

Dai primi accertamenti dei Carabinieri non si tratterebbe di morte naturale e il decesso sarebbe avvenuto da diversi giorni. Nell’abitazione, in ordine, sono state trovate diverse tracce ematiche e i corpi sono stati trovati ai bordi del letto, in camera.

I rilievi delle forze dell’ordine

Sul posto i Carabinieri dell’unità scientifica che stanno cercando di capire come siano morte. Secondo una prima ricostruzione sommaria sembrerebbe che i due corpi si trovavano sul letto e per terra. Le due donne sarebbero rispettivamente nate nel 1933 e nel 1961.

Leggi anche:  Trovata morta Manuela Bailo scomparsa a Brescia: l'ha uccisa l'amante

AGGIORNAMENTI SU giornaledimonza.it