Maria Giulia Sergio, combattente del Califfato, non ha più nulla a che vedere con Inzago.

Maria Giulia Sergio non è più di Inzago

La prima foreign fighters italiana, Maria Giulia Sergio, aveva fatto conoscere Inzago, paese in cui viveva, in tutto il mondo. In via Garibaldi 1, dove abitava l’intera famiglia, l’1 luglio del 2015 era scattato il blitz che aveva portato all’arresto, con l’accusa di associazione con finalità di terrorismo, di madre, padre e sorella, pronti a partire per raggiungere la giovane nelle zone calde del Califfato.

Sparita da tempo

Maria Giulia Sergio era partita col marito nel settembre 2014 per raggiungere la Siria e combattere a fianco dell’Isis. Dopo l’arresto dei familiari, coi quali era in contatto attraverso skype, di lei si sono perse le tracce. In molti ipotizzano sia morta combattendo per il Califfato. Come previsto per legge, il Comune l’ha cancellata dall’anagrafe per irreperibilità.

LEGGI ANCHE

Chiesti nove anni per la terrorista di Inzago

Leggi anche:  Comune condannato, pagheranno i cittadini

Condannata a nove anni la terrorista inzaghese

La sorella di Fatima: “Credo che sia morta in Siria”

Morto il padre di Fatima la foreign fighter italiana

Ricercata dai servizi segreti e anche dal Comune

Terrorismo | Confermata la pena alla sorella della foreign fighter di Inzago

“Maria Giulia Sergio, maestra per le donne della Jihad”

 

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO