Minacce alla compagna e alle figlie, arrestato trentenne. E’ successo a Brembate.

Minacce alla compagna e alle figlie

Era in affidamento in prova a casa della sua compagna. Ma l’ha minacciata e pure cacciata di casa. Ed è finito in carcere. I  carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno bussato alla sua porta e gli hanno notificato un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Brescia. Manette ai polsi per un albanese 33enne, irregolare pluripregiudicato. L’uomo era stato condannato dal Tribunale di Monza nel 2015 per reati contro il patrimonio e  stava scontando da qualche mese la misura alternativa dell’affidamento in prova al Servizio Sociale presso l’abitazione della compagna, un’italiana, sua coetanea, residente a Brembate.

Atteggiamenti violenti

La convivenza, però, non era facile. Dopo poco tempo erano iniziati gli atteggiamenti violenti, tanto che più di una volta il trentenne aveva costretto la donna e le sue figlie ad abbandonare la casa. Lei aveva cercato di rientrare ma lui, per tutta risposta l’aveva minacciata di morte. L’uomo è stato arrestato e tradotto in carcere a Bergamo.

Leggi anche:  L'assessore regionale Galli accusato di riciclaggio

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI