Le Forze dell’ordine che indagano sul decesso di Nilde Caldarini (LEGGI QUI), morta dalla paura dopo che l’auto su cui stava viaggiando è stata colpita da un sasso, investigano su una vicina area verde di Cernusco.

I carabinieri passano al setaccio un malfamato sottopasso

I militari stanno setacciando la zona per cercare di capire cosa sia avvenuto giovedì notte alle 23.30 nei pressi del terrapieno dove è partito il sasso che ha colpito l’Opel Astra sulla quale viaggiava Nilde Caldarini. L’impiegata sessantaduenne, che stava tornado da un incontro di preghiera nella Bergamasca, ha subito un forte choc ed ha avuto un malore che si è rivelato fatale. E così le indagini si stanno diramando a tappeto partendo dalla collinetta dove è partito il sasso. E a neanche cinquanta metri si trova un sottopasso. Si tratta di un luogo nascosto, coperto di scritte e vicino ad alcune panchine. I carabinieri stanno cercando i ragazzi che frequentano quella zona. Fra di loro potrebbe esserci il responsabile della morte di Nilde Caldarini.

Leggi anche:  Brutta caduta a Suisio, grave motociclista 29enne

Per comprendere se è morta dalla paura la magistratura ha predisposto l’autopsia

Intanto la magistratura ha aperto un fascicolo con l”ipotesi di morte come conseguenza di altro reato”. Il pm di turno ha chiesto anche che venga fatta l’autopsia (LEGGI QUI).