Dopo la notte della tragedia, è il momento del silenzio fuori dalle palazzine di via Don Milani 17 a Cernusco, dove ieri sera, mercoledì 16 ottobre 2019, si è consumato un omicidio.

Omicidio di Cernusco, proseguono le indagini

Secondo quanto è stato sinora ricostruito, la vittima, Donato Carbone, 63 anni, imprenditore edile in pensione, sposato, padre di una figlia e nonno, è stato freddato attorno alle 18.30 mentre si trovava a bordo della sua automobile, una Mercedes, nel corridoio dei box sotterranei della sua scala. Una decina i colpi che sono stati sparati e che lo hanno ucciso. Dopodiché l’assassino (o gli assassini) si è dato alla fuga.

LEGGI ANCHE: Omicidio a Cernusco, FOTO E VIDEO

Le indagini

Carbone abitava a Cernusco da parecchio tempo e nel suo passato non ci sarebbero grandi indizi che potrebbero portare al movente. Le indagini sono seguite dai carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda, che stanno cercando di mettere insieme i pezzi per risalire all’autore dell’omicidio e che anche stamattina erano sul luogo del delitto, dove oggi regna il silenzio e tutto sembra scorrere come in una giornata normale. Intanto, all’esterno del box dove è stato ucciso il 63enne, qualcuno ha posato un mazzo di fiori.

Leggi anche:  "Salviamo il lago Gabbana": presidio davanti al Comune di Cernusco

Auto in fuga

Al momento si sta cercando di risalire a un’automobile di piccola cilindrata, descritta da alcuni condomini del civico 17 di via Don Milani, che sarebbe stata vista allontanarsi dal luogo del delitto subito dopo gli spari.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI