Pozzuolo sasso lanciato dal cavalcavia ha colpito una vettura. L’automobilista ha invertito la marce e inseguito i presunti autori del gesto.

Pozzuolo sasso dal cavalcavia

Un botto tremendo e il parabrezza che si infrange. E’ stato un incubo che nessuno vorrebbe vivere quello capitato al trecellese Giuseppe Arioldi alle 21.40 di venerdì della scorsa settimana, mentre si trovava in prossimità del cavalcavia lungo la Sp 103 e procedeva da Bisentrate a Trecella a bordo di una Fiat Punto. La sua auto è stata colpita da un sasso lanciato dal cavalcavia.

La reazione

Il trecellese si è ripreso però subito dallo spavento e ha reagito. Ha eseguito repentinamente una inversione a U e ha imboccato la stradina sterrata che porta sopra il cavalcavia. “Con i fari ho illuminato la zona e ho visto due figure dalla corporatura minuta che scappavano velocemente – ha spiegato – Probabilmente non si aspettavano una reazione da parte mia ed erano ancora lì. Li ho inseguiti per un po’ ma poi, a causa dell’erba alta, non sono più riuscito a vederli, dalla corporatura direi che si tratta di ragazzini”.

Leggi anche:  Legionella a Bresso, i morti salgono a cinque

“Un fatto molto grave”

Per il sindaco Angelo Caterina è stato un fatto molto grave. “Stiamo effettuando delle verifiche con la Polizia Locale e i carabinieri – ha spiegato – Si è trattato di un episodio pericolosissimo. La persona che si è trovata coinvolta è venuta subito da me per segnalarmi la vicenda ed era agitatissima e spaventatissima. Anch’io mi sto muovendo attraverso un passaparola tra i ragazzi. Non dovrebbe trattarsi di giovani, ma di ragazzini più piccoli che, in effetti, frequentano quella zona”.

Il servizio completo sulla Gazzetta dell’Adda in edicola e in VERSIONE SFOGLIABILE WEB per pc, smartphone e tablet da sabato 2 giugno

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE