L’opera è stata rovinata da ignoti a Truccazzano.

Presepe devastato

“Un atto vandalico inqualificabile”. Così lo ha definito il sindaco di Truccazzano Luciano Moretti. E’ accaduto il 25 dicembre e a fare le spese è stato il presepe in legno allestito dall’associazione Opera Verde in prossimità del cimitero cittadino. Il sodalizio si occupa di mantenere, a titolo volontario, alcune aree verdi del paese abbellendole con piante e fiori e rendendole accoglienti grazie all’installazione di panchine per le zone di sosta. E proprio in un angolo affidato alle cure dei volontari era stato realizzato alla metà di dicembre un presepe. La Natività con Maria, Giuseppe e Gesù nella mangiatoia ritagliati nel legno, circondati da angeli e stelle anche loro sagomati e appesi alle piante circostanti. Sono stati gli stessi volontari a fare la triste scoperta proprio il giorno di Natale. L’atto vandalico, infatti, è avvenuto nella notte in cui Gesù è nato.

La condanna del sindaco

Una dura condanna degli ignoti responsabili del vergognoso episodio arriva dalla Giunta comunale attraverso le parole del sindaco: “Il voler rovinare un’opera che simboleggia felicità ed è uno dei tradizionali simboli del Natale è segno di inciviltà e ignoranza – ha detto – Mi auguro che non sia un atto di intolleranza ma che sia frutto di maleducazione e stupidità insensate, anche se non giustificabili”.