Protesta per il riscaldamento che non funziona a dovere, l’ascensore che non va e altre questioni.

Protesta al Bellisario

Stamattina, martedì, centinaia di studenti dell’Istituto superiore Bellisario di Inzago hanno protestato davanti all’ingresso per far sì che Città metropolitana intervenga e sistemi la struttura. Troppi, ormai, i problemi segnalati e non risolti tra cui l’ascensore della nuova ala che non funziona e il riscaldamento. In alcune classi, infatti, ci sono temperature tropicali mentre in altre si trema dal freddo.

Studenti uniti

Gli alunni hanno sottolineato come il picchetto sia a favore della scuola, ritenuta tra le migliori a livello didattico. I problemi strutturali, però, sono in capo a Città metropolitana che, nonostante le sollecitazioni della dirigenza, ancora non è intervenuta per risolverli. Sul posto anche l’assessore alla Sicurezza Ivan Maria Giuliani, che ha condiviso le preoccupazioni dei giovani.

Contestata la circolare che vieta di uscire

Gli alunni hanno anche contestato la circolare che vieta loro di uscire durante l’intervallo, costringendoli all’interno delle mura. Una scelta del Collegio docenti e del Consiglio di istituto che resterà in vigore fino alla fine di febbraio.
Tutti i dettagli e le interviste sul numero della Gazzetta dell’Adda in edicola e online da sabato 12 gennaio.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.