Pugni in pancia a un coetaneo per sottrargli lo smartphone. Una rapina avvenuta un anno fa a Sesto San Giovanni. A distanza di un anno, dopo un’attenta attività di indagine, i carabinieri sono risaliti a lui e ai suoi complici.

Pugni in pancia

L’episodio era avvenuto il 20 agosto 2017 in via Venezia a Sesto. Vittima era un diciassettenne di Cologno Monzese, che si trovava in compagnia di un’amica. I due erano stati circondati da un diciassettenne e da tre maggiorenni, tutti equadoriani.

Rubato lo smartphone

Il più piccolo, che allora risiedeva a Sesto, non esitò a sferrargli un pugno allo stomaco per convincerlo a mollare il telefonino. Il colognese fece poi denuncia e da lì iniziò una complessa attività di indagine da parte dei carabinieri della stazione sestese.

Un arresto e tre denunce

Nei giorni scorsi i militari sono riusciti a risalire ai colpevoli. Per i tre che all’epoca erano maggiorenni hanno proceduto con la denuncia a piede libero. Il quarto componente della banda invece, che oggi ha 18 anni, è stato rintracciato a San Donato, dove nel frattempo si è trasferito. Il Tribunale dei minori, ancora competente nei suoi confronti, ha disposto la custodia cautelare in comunità.

Leggi anche:  Fuori strada con la moto, ferito un 30enne FOTO

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.