Salvarono gli inquilini dall’incendio: lettera di ringraziamento per i vigili. Gli agenti della Polizia locale fecero uscire in tempo i residenti del palazzo, soprattutto anziani.

Inquilini messi in salvo durante l’incendio

Non avevano esitato a entrare nel condominio che iniziava a riempirsi di fumo, nero e denso, portando in salvo i residenti, soprattutto anziani, in attesa dell’arrivo sul posto dei Vigili del fuoco. L’associazione “Il Fuori Coro” – che raggruppa al suo interno numerosi agenti e ufficiali delle Polizie locali di tutta Italia – ha nei giorni scorsi scritto una lettera, inviata al sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano e al comandante della Locale sestese Fabio Brighel, per congratularsi dell’intervento degli “impavidi” del Comando di via Volontari del Sangue in occasione dell’incendio scoppiato giovedì 7 marzo nel locale cantine dello stabile Aler di via Bixio. Il tutto in attesa che agli stessi agenti venga consegnato l’encomio da parte dell’Amministrazione comunale.

La lettera di ringraziamento e congratulazioni

Gli agenti sestesi “si sono messi in evidenza scongiurando, con il loro intervento, che l’incendio divampato nel condominio potesse essere causa di un’immane tragedia – si legge nella lettera di ‘Il Fuori Coro’ – Le fiamme e il fumo stavano mettendo in serio pericolo i residenti, soprattutto anziani. La presenza degli agenti della Locale sestese, però, ha scongiurato un tragico bilancio di vite umane, visto che gli stessi sono entrati all’interno dell’edificio per fare uscire chi vi era ancora rimasto dentro. Un intervento rapido e provvidenziale”. Per “Il Fuori Coro”, l’intervento in via Bixio è stato la riprova che a Sesto esiste “un bel gruppo affiatato e professionale di agenti sempre presenti sul territorio, con determinazione e prontezza. Per questi motivi manifestiamo agli agenti viva soddisfazione e sinceri complimenti per il lavoro svolto con competenza e professionalità encomiabili. Bravi ragazzi, bravi davvero”.

Leggi anche:  Al volante ubriaco e con una patente falsa

La notizia anche nell’edizione cartacea di Sestoweek in edicola da ieri, sabato 23 marzo