Sevizie alla madre per avere soldi: in carcere uno dei “gemelli terribili”. Il 17enne prelevato dalla comunità dai Carabinieri e trasferito al Beccaria di Milano.

Sevizie alla madre: uno dei figli finisce in carcere

“Reiterate violazioni delle disposizioni dell’Autorità giudiziaria”. Questa la motivazione che ha spinto il Tribunale per i minorenni di Milano a decidere per l’aggravamento della misura cautelare nei confronti di uno dei due fratelli gemelli 17enni di Cologno Monzese finiti alla ribalta delle cronache nel maggio 2017, per le violenze inferte al genitore con l’obiettivo di spillarle soldi da spendere in alcol e droga. Ieri mattina, 1 maggio, i Carabinieri della Tenenza di Cologno hanno applicato la misura, prelevando il 17enne che si trovava nella comunità Kairos di Vimodrone, portandolo all’interno del carcere minorile Beccaria.

La triste vicenda di violenza familiare

I due spietati aguzzini minacciavano la madre di morte, utilizzando anche dei coltelli. La picchiavano violentemente e la costringevano a ripulire la casa dagli sputi che lasciavano a terra. Altre volte la rinchiudevano sul terrazzo o in camera da letto, per essere liberi di cercare il denaro, quando la donna 40enne non ne aveva o si rifiutava di dargliene. Venti euro al giorno era la richiesta dei ragazzi. Ma spesso anche tale somma non bastava. Una serie di umiliazioni che aveva toccato poi il culmine con un pestaggio, a seguito del quale la madre era finita anche in ospedale. Dopo il fermo da parte dei Carabinieri nel maggio del 2017, per i due baby malviventi si erano aperte le porte di due differenti comunità. Uno era finito in Piemonte, l’altro a Vimodrone. Ma per quest’ultimo, ora, la “pacchia è finita”.

Leggi anche:  Nuovi lavori al ponte di Trezzo sull'Adda