Sparatoria a Milano davanti a un bar: due arresti.

Sparatoria a Milano davanti a un bar: due arresti

Sono due italiani di 36 e 45 anni i responsabili della sparatoria avvenuta in piazza Gasparri a Milano la mattina dell’11 settembre scorso. Le indagini, dirette da Roberto Fontana della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano e condotte dalla 2° Sezione del Nucleo Investigativo, hanno permesso di accertare che lo scontro a fuoco era scaturito da una lite avvenuta poco prima e che aveva provocato il ferimento di uno dei due.

L’agguato alla vittima

Insomma, per “vendicarsi”, è stato teso un agguato alla vittima ed è poi iniziata una sparatoria davanti a un bar sotto i portici di piazza Gasparri, in zona Comasina. “Scene da far west”, hanno raccontato i residenti, testimoni della sparatoria in pieno giorno, alle 11 del mattino. La vittima ha risposto al fuoco: sono stati esplosi circa dieci colpi ma nessuno è stato fatale per i protagonisti della vicenda.

Gli arresti nella notte

Questa notte, i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale nei confronti dei due italiani, con l’accusa di tentato omicidio.

Leggi anche:  Lite stradale finisce a botte: due feriti in ospedale

LEGGI ANCHE: Spari contro una vetrina a Vimodrone, arrestato un uomo

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI