Ieri la sparatoria in azienda a Erba, poche ore dopo i carabinieri hanno fermato un 23enne a Segrate, indiziato del reato. Ora si trova in carcere.

Sparatoria in azienda a Erba, uomo fermato a Segrate

Ieri, mercoledì 21 agosto 2019, all’ora di pranzo fuori dai cancelli dell’azienda Real Steel di via Milano a Erba due uomini hanno sparato tre colpi di pistola contro due operai, fatti uscire dalla ditta con una scusa, come riportato dal Giornale di Como. Nella notte i carabinieri della stazione di Erba sono riusciti a fermare a Segrate un 23enne, indiziato del reato che al momento si trova nel carcere del Bassone di Como.

Colpi esplosi contro padre e fratello

Le indagini inizialmente non hanno escluso alcuna direzione, poi grazie agli elementi trovati si sono concentrate sull’ambito familiare due due operai. E’ stato infatti accertato dai militari dell’Arma della stazione di Como che “il movente del gesto è riconducibile a dissidi di natura familiare tra le parti, legate da vincoli di parentela: chi ha sparato è figlio e fratello dei destinatari dei colpi di arma da fuoco”, hanno fatto sapere dal Comando.

Leggi anche:  Spari contro un portavalori a Segrate, vigilante ferito

Si cerca il secondo uomo

Fortunatamente nessuno era rimasto ferito. Uno dei due indiziati, classe 1996, è stato rintracciato dai carabinieri della stazione di Erba nella notte a Segrate. Gli uomini dell’Arma sono sulle tracce del secondo uomo che ha agito come il complice a volto scoperto.

LEGGI ANCHE
Spari in azienda a Erba: motivi familiari all’origine del gesto

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.