Non ce l’ha fatta il 46enne travolto da un treno a Vignate nella notte di lunedì. Dopo dodici ore di agonia si è spento all’ospedale San Raffaele di Segrate.

Travolto dal treno muore in ospedale

Il 46enne romeno stava camminando al buio lungo i binari all’altezza di via Manzoni. Non si sarebbe accorto del sopraggiungere di un treno che lo ha investito in pieno. Da subito le sue condizioni sono apparse molto gravi visto che entrambe le gambe erano rimaste sotto le ruote del convoglio. I sanitari intervenuti hanno cercato di salvarlo, trasportandolo in codice rosso al San Raffaele. Ma gli sforzi dei medici sono stati vani. Si è spento ieri a causa dei vari traumi riportati.

Camminava lungo i binari

I primi a intervenire sul posto sono stati i carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda e gli agenti della Polizia ferroviaria. Dalle ricostruzioni, ascoltando anche le parole del macchinista, la dinamica è sembrata da subito chiara. Il 46enne stava camminando al buio lungo i binari in direzione di Milano quando è sopraggiunto il treno. Il conducente si è accorto all’ultimo della presenza dell’uomo e non è riuscito a frenare in tempo per evitare l’incidente.

Leggi anche:  Campo da tennis nuovo, ma senza spogliatoi

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE.