Truccazzano, scuola media allagata. Il sindaco tuona: “Qualcuno pagherà”. Franco De Gregorio non vuole infatti che passi “in cavalleria” l’ennesimo episodio che ha coinvolto la Secondaria di via Quasimodo.

Truccazzano, scuola media allagata

Lunedì 30 dicembre in Comune è arrivata una chiamata. Erano gli operai del cantiere per l’ampliamento della scuola media di via Quasimodo. La parete di contatto tra la nuova area in costruzione e quella già esistente era zuppa d’acqua, sintomo che qualcosa non andava. I tecnici e l’Amministrazione si sono subito attivati per un sopralluogo. Giunti nel plesso, hanno scoperto che sia il primo piano sia il piano terra risultavano allagati. Il motivo? la valvola di un calorifero aperta.

Non è la prima volta

Un episodio che si era già verificato a novembre, ma che questa volta ha portato maggiori danni sia perché verificatosi al primo piano (l’acqua si è infiltrata e ha allagato anche il piano terra), sia perché il flusso è rimasto aperto per più tempo. La scuola era infatti chiusa dal 20 dicembre. “La fortuna ha voluto che ci fossero gli operai in cantiere altrimenti ci sarebbero stati ancora più problemi – ha spiegato il sindaco – Abbiamo subito chiamato i tecnici che hanno provveduto a sistemare tutto e abbiamo asciugato, per far sì che le lezioni potessero ripartire senza problemi. Ora però vogliamo vederci chiaro”.

Leggi anche:  Sospetto caso di scabbia in una scuola di Cassano d'Adda

Lunedì riunione in Comune

Il sindaco ha chiesto alla preside del Comprensivo un incontro che si svolgerà in Comune lunedì mattina. A causare l’allagamento potrebbe infatti essere stato uno studente e l’Amministrazione vuole dei chiarimenti. “Qualcuno dovrà pagare i danni che sono stati causati” ha chiosato il sindaco.

Nella Gazzetta dell’Adda

Tutti i dettagli, gli approfondimenti e le altre notizie della settimana nella Gazzetta dell’Adda disponibile in edicola e nella versione sfogliabile online da sabato 11 gennaio 2020.

Torna alla home per le altre notizie di oggi