Due anni e mezzo fa la storia di Ermenegildo Vatteroni  e della sua famiglia era finito in televisione, intervistato da varie trasmissioni televisive in virtù delle condizioni critiche in cui abitava. La sua casa, infatti, era un garage a Gorgonzola. Ora un’abitazione ce l’ha, ma oggi, mercoledì, è tornato davanti al Municipio cittadino per manifestare il suo pensiero.

Vatteroni di nuovo in protesta

Poco dopo le 7 si è presentato nella piazzetta del Comune armato di cartellone su cui erano scritte le motivazioni della sua protesta. “Per la 100esima volta nessun aiuto dal Comune Stucchi, Finte promesse di aiuto economico, mia moglie diventata paraplegica a causa del degrado in cui abbiamo vissuto per colpa del Comune. Deve tornare a casa per qualche giorno, ma il governo Stucchi mi ha fatto staccare il gas per non dare aiuto. Ed è questo il dittatore che volete votare???”. Questo quanto riportato sul cartellone. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della Polizia Locale e i carabinieri cittadini che hanno monitorato la situazione onde evitare che la protesta potesse degenerare.

“Abbiamo garantito il nostro aiuto”

Il sindaco Angelo Stucchi ha invitato Vatteroni a salire negli uffici per esprimere le sue problematiche, invito che è stato declinato. “Sono tre anni che i Servizi sociali stanno seguendo questa famiglia – ha commentato il primo cittadino – Abbiamo soddisfatto la richiesta di aiuto per il pagamento delle utenze, abbiamo persino proposto una posizione lavorativa alla figlia, ma è stata rifiutata poiché non ritenuta idonea alle proprie aspettative. Negli ultimi mesi non avevo ricevuto nessuna richiesta da parte di questa famiglia, fa un po’ strano vederlo sotto il Municipio pochi giorni prima del ballottaggio”.

Leggi anche:  Folle inseguimento lungo la Paullese

Attacco al centrodestra

Se Stucchi ha cercato di mantenere il profilo basso, all’attacco è andato l’assessore ai Servizi sociali Nicola Basile. “Sulla situazione della famiglia Vatteroni abbiamo sempre mantenuto il massimo riserbo per correttezza nei confronti di persone che hanno fragilità – ha commentato Basile – Purtroppo assistiamo all’ennesima strumentalizzazione di questa persona. C’ è qualcuno che cerca di costruire la propria fortuna politica sulla sofferenza di questa famiglia. Purtroppo negli ultimi giorni sto notando un clima politico che non mi piace: nelle ultime notti sono stati strappati tutti i manifesti delle liste di Stucchi e di Ipg, inoltre sono apparsi manifesti abusivi appesi in tante parti della città”. Il sindaco predica un ritorno a un clima più disteso: “Qualcuno sta cercando di spaccare in due la città – ha concluso Stucchi – Va bene la differenza di pensiero e di idee, ma ricordiamoci che prima di tutto viene il bene di Gorgonzola”.

La replica della figlia

“Non è vero che ho rifiutato dei lavori – ha replicato la figlia di Vatteroni – Ora faccio due ore di pulizie a casa di una persona. Avevo soltanto richiesto un prestito di trenta euro, che non avevo, per il certificato dei carichi pendenti. Ma alle mie mail non è mai arrivata neppure una risposta”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI