Vigili a casa di una peschierese che aveva criticato l’Amministrazione. La questione ha sollevato una bufera in tutta Italia e ora il sindaco prova a spiegare il suo punto di vista.

Vigili a casa, sindaco investito dalle critiche

Il caso della peschierese invitata a mandare le scuse al sindaco Caterina Molinari per aver criticato l’Amministrazione sui social ha scatenato reazioni in tutta Italia. Il primo cittadino ha cercato di giustificarsi e spiegare il proprio punto di vista attraverso una lettera che, in realtà, si sta rivelando un boomerang: in molti infatti stanno condannando i contenuti del testo in cui, viene sottolineato, non compaiono le scuse in merito all’accaduto.

“L’Amministrazione tutela la dignità sui social”

“L’Amministrazione ha il compito fondamentale di tutelare i propri cittadini, di fare in modo che la dignità di ciascuno sia garantita, anche sui social network – ha scritto Molinari – La Polizia Locale di Peschiera Borromeo è al servizio completo dei cittadini, chiedo loro ogni giorno di costruire dei rapporti di qualità con noi cittadini e facendo attenzione ai modi utilizzati”. La missiva prosegue riferendosi alla cittadina protagonista della vicenda. “Il contatto che lei ha avuto con il comandante sicuramente voleva rientrare in una modalità di dialogo e conciliazione, di ricerca del rapporto personale, agli antipodi con quanto è stato riportato sulla stampa. Sono certa, per la fiducia che ripongo nell’operato della nostra Polizia Locale, che l’intento non fosse assolutamente intimidatorio”.

Leggi anche:  Chiesa abusiva scoperta dalla Polizia Locale

Sindaco minacciato

Il primo cittadino ha fatto sapere di aver ricevuto insulti e minacce. “Ho ricevuto minacce, accuse, insulti di ogni genere, mi è stato augurato che le mie figlie si ammalino presto di leucemia – ha scritto Molinari – Una reazione mediatica certamente sproporzionata rispetto all’episodio”. C’è chi ha manifestato la propria solidarietà, ma in generale in molti hanno condannato la missiva considerata priva di contenuto e scritta in “politichese”.

LEGGI ANCHE

Peschiera Borromeo, critica l’Amministrazione su Facebook: il giorno dopo si trova a casa i vigili

Lettera di scuse dopo gli insulti su Facebook, che polemiche a Peschiera Borromeo

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.