Il Veneto continua ad essere colpito dalla febbre West Nile o del Nilo occidentale e arrivano a quota cinque i decessi. E ora il virus è arrivato anche in Lombardia.

La conta degli infettati

Sono 105 i casi confermati in Veneto dei quali 34 evoluti nella forma neuroinvasiva, con 5 decessi, tutti avvenuti in persone anziane o con gravi patologie pregresse. In questi giorni due casi sono stati registrati  a nord ovest di Milano più precisamente a Rho e Pregnana Milanese.

A Pregnana e Rho

Ats Città Metropolitana conferma due casi a Rho e Pregnana Milanese, che hanno avviato la disinfestazione delle zanzare sul territorio comunale.

Negli ospedali non si registrano ricoveri, ma la malattia è pericolosa solo per i soggetti deboli, nell’80% delle casistiche infatti non dà sintomi particolari e nell’altro 20% si traduce in una normale febbre.

Estate record

Il virus ha avuto un estate record a causa dei contagi in Veneto e, in seconda battuta, in Emilia Romagna. Basti pensare che lo scorso anno i casi registrati erano stati quattro.

In Europa sono stati infettate 273 persone, di cui 123 in Italia e 126 in Serbia.

Leggi anche:  Beccato con la cocaina in tasca, arrestato spacciatore

West Nile, cos’è?

E’ un virus che viene trasmesso dopo la puntura delle zanzare appartenenti al genere Culex.

Possono essere infettati anche gli animali e la maggior parte delle infezioni nell’uomo decorre in modo asintomatico. Ma circa il il 20% dei soggetti sviluppa una malattia sistema febbrile (febbre di West Nile).

In una percentuale ridotta dei casi la malattia si manifesta con una malattia a carattere neuro-invasivo quale l’encefalite.

Prevenzione in Veneto

In Veneto sono in atto diverse attività di prevenzione, come ha spiegatol’assessore alla Sanità del Veneto, l’assessore Luca Coletto:

Continuiamo le disinfestazioni straordinarie soprattutto nelle aree a maggior concentrazione di persone, in stretta collaborazione tra le Ullss e i Comuni, mentre nei Pronto Soccorso e negli Ospedali riusciamo ad avere diagnosi precise e tempestive e cure efficaci. Stiamo inoltre rafforzando le attività di prevenzione per tutte le strutture che ospitano anziani o ricoverano malati.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI