Cena della Vigilia o pranzo di Natale? Il 25 dicembre, tra tutte le solennità cristiane, è la festa per eccellenza della famiglia che si riunisce intorno all’altare della tavola per celebrare la Natività di Gesù. La cena della Vigilia è un simbolo di attesa e di armonia familiare, mentre il pranzo è un segno di ringraziamento e di comunione. All’originario significato, nel tempo si è aggiunto quello della festa moderna, caratterizzata da una ricca cena detta appunto della Vigilia con lo scambio di regali allo scoccare della mezzanotte e da un sontuoso pranzo il giorno del Natale.

Cena della Vigilia o pranzo di Natale?

Se si sceglie di festeggiare alla Vigilia, è bene ricordarsi che sarebbe opportuno preparare una cena «di magro». La Vigilia del Natale infatti per la religione cattolica è uno dei momenti più sacri dell’anno. Nel Decreto Conciliare di Trento (4 dicembre 1563) vennero indicati i giorni in cui i cristiani erano invitati a praticare l’astinenza dalle carni e il digiuno. Tra questi c’erano anche le vigilie delle grandi solennità religiose, fra cui quella del Santo Natale.

Tradizione cattolica

Da allora, si è consolidata nel mondo cattolico la tradizione di sedersi a tavola il giorno della Vigilia per un solo pasto (a mezzogiorno o alla sera) astenendosi rigorosamente dalle carni e l’antico divieto costituisce tutt’oggi un richiamo a consumare cibo austero. I piatti tradizionali devono dunque essere a base di prodotti ittici e di ortaggi. A Napoli ad esempio nella cena della Vigilia non può mancare il capitone, mentre in alcune regioni settentrionali il salmone è sempre presente a tavola.

Leggi anche:  Ricetta granita all'ananas per rinfrescare l’estate

Carne protagonista

Al contrario, il pranzo di Natale deve essere importante, ricco, opulento, servito sul miglior servizio di piatti presente in casa. Con grandi vini e da concludere con il dolce. La carne deve essere la protagonista sotto forma di ripieno nei primi come agnolotti, ravioli, lasagne o cannelloni. Oppure per i secondi: arrosti, brasati e polpettoni e per concludere frutta secca e dolci. Il panettone e il pandoro sono grandi classici, che si possono però declinare in mille varianti: farciti con creme diverse, oppure riutilizzati per altre ricette.