Che cosa bere in estate? Una bibita ghiacciata, un gelato, oppure anche una granita o un ghiacciolo… Ma chi l’ha detto che, per contrastare le alte temperature estive, il vero rimedio siano le bevande fredde? Molte persone sono convinte che per trovare un po’ di refrigerio basti bere qualcosa di fresco, ma questa non è la soluzione: la sensazione di benessere, infatti, durerà per poco, per poi tornare a percepire il caldo in maniera più intensa. Ricercatori e nutrizionisti lo affermano, la scienza lo conferma: sorseggiare bevande tiepide è il modo più efficace per dissetarsi e contrastare la calura estiva. Quindi, meglio un bel té a temperatura ambiente della classica Coca ghiacciata. E ciò sia detto senza prender posizione sul mercato: quanto detto vale anche per Pepsi, Sprite o altre bibite gassate.

Che cosa bere in estate?

Tè, tisane e infusi caldi sono sempre di più l’alleato perfetto per combattere il grande caldo. Da bere soli o in compagnia, in qualsiasi momento della giornata, seguendo la tendenza internazionale del cosiddetto «Wonderful Time». Ovvero tempo della meraviglia (del relax, del benessere). E’ quanto emerge da uno studio scientifico condotto attraverso un monitoraggio su oltre 200 fonti fra testate, magazine, portali, blog e community internazionali condotto da un pool di oltre 50 nutrizionisti, per sondare i benefici derivanti dal bere una bevanda calda in estate. Quando fa caldo, la temperatura corporea aumenta e, con l’assunzione di bevande ghiacciate, la sensazione di refrigerio è solo momentanea.

Leggi anche:  Menù di fine agosto, tante proposte creative

Dal calore al sollievo

Con quelle calde, invece, all’inizio potrebbe verificarsi una percezione di calore, salvo poi giungere il sollievo poiché, essendo aumentata la temperatura interna rispetto a quella circostante, il corpo rilascia calore (butta fuori il caldo e ciò ci refrigera naturalmente). Quindi, contro l’afa opprimente, camomilla e tè battono lattine in frigorifero… senza discussione proprio!