Martesana blu, a Pozzuolo arrivano 11mila nuovi alberi grazie al progetto in collaborazione tra il Comune e dieci aziende agricole del territorio.

Martesana blu porta 11mila alberi

Diciannove chilometri di nuovi filari composti da undicimila alberi con sedici diversi tipi di arbusti autoctoni. A febbraio inizierà la messa a dimora delle piante grazie a un contributo regionale di 130mila euro ottenuto grazie alla collaborazione dei Comuni di Pozzuolo, Bellinzago, Liscate e Truccazzano con dieci agricoltori che si occupano dei campi compresi tra Bisentrate e Incugnate. Si tratta di una delle opere inserite nel programma Blu Martesana, che ha come obiettivo creare un distretto agricolo in grado di attrarre turismo di diverso tipo e di rilanciare la campagna pozzuolese.

In passato

La piantumazione che vedrà la luce il prossimo anno è senza dubbio l’opera più importante realizzata fino a ora all’interno di Blu Martesana. Nei mesi scorsi però le campagne intorno a Pozzuolo hanno già iniziato a cambiare volto. Le aziende agricole coinvolte hanno infatti messo a dimora 1.500 nuovi alberi ai quali si sono aggiunti interventi di sistemazione delle strade interpoderali e la realizzazione di sbarre a protezione delle stesse.

Leggi anche:  Eicma 2019 al via: inaugurata la 77esima edizione VIDEO

Il futuro

La speranza sia del pubblico sia del privato è che il finanziamento ottenuto serva da ulteriore spinta verso la realizzazione del progetto complessivo. “E’ un territorio con un potenziale e una comunicabilità enormi – ha spiegato Uberto Resta Pallavicino, uno dei referenti di Blu Martesana – Vorremo riqualificare le storiche cascine, valorizzare a livello sportivo gli specchi d’acqua presenti, creare percorsi per correre e camminare, ma anche lavorare sull’agricoltura di qualità collaborando con la grande distribuzione”.

Nella Gazzetta dell’Adda

I dettagli del progetto, gli sviluppi futuri, le dichiarazioni e tutte le altre notizie della settimana nell’edizione della Gazzetta dell’Adda disponibile in edicola o nella versione sfogliabile online a partire da sabato 2 novembre 2019.

Torna alla home per le altre notizie di oggi